Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

"Il Giro d'Italia costa troppo"

La polemica

78082
Il consigliere regionale Pd, Graziano Azzalin, se la prende con Zaia che ha deciso di investire 295mila euro per le tappe venete della corsa rosa "che è - dice Azzalin - un 'grande evento' molto sui generis".
Costerà circa 300mila euro alla Regione Veneto (dal bilancio dei Grandi eventi), ospitare tre tappe del Giro d'Italia: una quasi interamente in regione, la Pordenone-Asiago, ed altre due di passaggio, ma con lo scollinamento di alcune montagne storiche, come il Passo di Montecroce di Comelico.



E la cifra non è piaciuta al consigliere regionale polesano del Pd, Graziano Azzalin, che la considera "spropositata, considerando che questa manifestazione è un “Grande evento” sui generis, visto che si ripete ogni anno e i visti pochi soldi riservati allo sport dalla Giunta Zaia".
Per la precisione, la proposta di Rcs per le tre tappe è di 295mila euro.



Azzalin, che sa bene quanto popolare sia la corsa rosa, prova poi a frenare: " Nessuno vuole sminuire l’importanza di questa competizione seguita con tanto affetto da milioni di appassionati e non, soprattutto in occasione dell’edizione del Centenario, però in tempi di magra come questi probabilmente bisognerebbe essere un po’ più attenti a spendere i soldi dei cittadini. Non mi risulta che le altre Regioni impieghino così tanto denaro pubblico, per esempio l’Emilia Romagna si limita a dare un contributo ai Comuni interessati, a consuntivo della manifestazione...".



L’accordo, fra le altre cose, prevede un’auto «decorata ad hoc, dei gadget personalizzati e striscioni con il logo Visit Veneto in occasione della tappa che attraverserà la Regione, oltre pubblicità sui mezzi Rcs.
Ma quello che non ha prezzo, e Rcs lo sa bene quando va a proporre i contratti alle Regioni e ai Comuni interessati, è la diretta televisiva che nelle tappe di montagna assume una valenza di promozione turistica a livello europeo che ha pochi pari.



"Non vorremmo - conclude Azzalin - c he tutto si risolvesse in un altro spot per il presidente Zaia, che sicuramente sarà ben presente a tagliare nastri a favore di telecamere. E questo a fronte di tagli alle spese per lo sport".
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy