Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

Padova, Bitonci non è più sindaco. Lega e Forza Italia ai ferri corti

Politica

46318

Il sindaco di Padova Massimo Bitonci

17 consiglieri comunali danno le dimissioni: cade l'amministrazione di palazzo Moroni. E anche in Polesine i rapporti interni al centrodestra ora scricchiolano.
Padova ieri mattina si è svegliata senza sindaco. Venerdì notte, 17 dei 32 consiglieri hanno firmato le proprie dimissioni facendo così di fatto decadere l’amministrazione del sindaco leghista Massimo Bitonci, “salviniano” di ferro.



Nella mattinata di sabato 12 novembre i 17 hanno poi protocollato le loro dimissioni prima al segretario generale del comune. L’epilogo arriva a conclusione di un lunghissimo e logorante scontro tra Lega Nord e Forza Italia, che durava da mesi.



A dare le dimissioni sono stati rappresentanti di Pd, Cinque Stella, Forza Italia, Padova 2020, e altri della maggioranza, passati al gruppo misto.



E adesso gli accodi politici tra Carroccio e Fi scricchiolano anche a Rovigo. Ma Massimo Bergamin, sindaco leghista del capoluogo, tiene duro: “Sempre al fianco di Massimo Bitonci, di Gianantonio Da Re, Matteo Salvini e di tutta la squadra della Lega Nord”, il suo messaggio giunto dal raduno leghista di Firenze, dove è andato in auto proprio con Bitonci.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy