Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

Rovigo, Porto Tolle o fuori provincia<br/>dove giocherà il Delta in futuro?

gabrielli[1].JPG

Lo stadio Gabrielli

Visentini vuole la Lega Pro, ma la questione stadio complica le cose: il Gabrielli a oggi rappresenta un impianto non idoneo nemmeno per la Serie D.
Quale futuro attende il Delta? All’ombra delle vittorie di Luca Tiozzo, tornato a riaccendere l’entusiasmo dei tifosi, regna l’incertezza in vista della prossima stagione. Con la promozione sul campo svanita da tempo, la famiglia Visentini ha cominciato a elaborare strategie. Patron Mario non ha mai nascosto l’intenzione di tornare alla svelta in Lega Pro ed ora che l’unica strada percorribile rimane quella del ripescaggio, torna di moda la questione stadio.
Il Gabrielli a oggi rappresenta un impianto non idoneo nemmeno per la Serie D, figuriamoci per categorie maggiori. Allo stadio di viale Tra Martiri manca la famosa e agognata agibilità: lavori di adeguamento tutto sommato fattibili, di cui è pronto a prendersi carico lo stesso Delta, ma a complicare le cose c’è la solita burocrazia. Nel capoluogo si andrà al voto il 31 maggio, con ogni probabilità si passerà per il ballottaggio, per cui il nuovo sindaco, che dovrebbe sbloccare la pratica, si insedierà solo a fine giugno. Troppo tardi, perché entro quella data il Delta dovrà aver già certezze su quale stadio giocare, sia per la Serie D che per un eventuale ripescaggio tra i Pro.
Che fare dunque? Sembra che al vaglio della famiglia Visentini ci sia la possibilità di un trasferimento fuori provincia. Torna calda la pista Portogruaro: impianto già richiesto in via provvisoria l’estate scorsa, qualora il ripescaggio fosse andato in porto.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy