Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

E' tornato a casa sano e salvo Marco, il rodigino che combatteva in Siria

La storia

117255

Marco, in un frame del video pubblicato da padovaoggi.it

Il giovane, 23 anni, laureato in storia, era in prima linea ad Afrin, insieme ai curdi. Dopo la caduta della città è tornato in Italia. In un'intervista a padovaoggi.it racconta la sua storia.
Si chiama Marco, ha 23 anni, ed è il ragazzo di Rovigo che nei mesi scorsi era andato in Siria, ad Afrin, per combattere a fianco dei curdi assediati dall'esercito turco ([url"Leggi l'articolo"]http://www.polesine24.it/Detail_News_Display/Rovigo/da-rovigo-alla-siria-per-combattere-dalla-parte-del-popolo-curdo[/url]).



Afrin è caduta. E Marco, prima che la situazione precipitasse, è riuscito a fare ritorno in Italia.



Questa mattina Marco ha rilasciato un'intervista al sito padovaoggi.it.






La storia di Marco, o Gelhat Drakon, questo il suo nome di battaglia in Siria, racconta la vita in una città sotto assedio e le ragioni di una scelta che non ha mancato di far discutere.



“I turchi - racconta Marco - hanno cominciato a bombardare dal confine. All’inizio le bombe lambivano i bersagli, ma non li colpivano. Poi hanno bombardato vicino all’ospedale militare, e poi quello civile... e nessuno aiuta la popolazione potrebbe essere una catastrofe umanitaria...".



Marco, laureato in Storia, è dunque finito al centro della guerra. Una guerra vera. “Quando vedi i bombardamenti ti senti davvero piccolo, anonimo. Una volta ad esempio gli americani hanno cominciato a bombardare dall’Eufrate da est, i russi attaccavano con Assad da sud. Tutti contro le postazioni Isis. Perché ci sono ancora loro enclave nella Siria, dove sono rintanati... Sembra tutto surreale, e invece è vero. E’ tutto reale quello che stai vivendo. Quella volta in particolare sembrava l’apocalisse”.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy