Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

In strada solo 9 vigili su 36, ma i "premi" li vogliono tutti

Polizia locale

69480
27 vigili urbani su 36 lavorano solo in ufficio, ma fino ad ora ricevevano l'indennità di turno come i colleghi che i turni in strada li fanno davvero. Lo stop del Comune, la rabbia dei sindacati.
Il Comune di Rovigo paga lo stipendio a 36 vigili urbani, ma di questi 27 non sono "abili" a svolgere servizio in strada, vale a dire che lavorano solo in ufficio.

Nonostante questo fino a gennaio scorso riscuotevano regolarmente in busta l’indennità di turno
, proprio come i 9 colleghi che scendono a fare servizio in strada, per quanto disarmati.

Parliamo di 125 euro lordi al mese (che in un anno portano ad una spesa di oltre 40mila euro) per turni che, in pratica, i tre quarti dei vigili urbani non fanno. Da qui la decisione del Comune di tagliare il premio ai 27 vigili su 36 che non compiono operazioni su strada ma che lavorano esclusivamente all’interno degli uffici e il cui lavoro, di conseguenza, si svolge principalmente la mattina e in due pomeriggi a settimana (come gli altri dipendenti pubblici), oltre a dover lavorare una domenica ogni sei, retribuita ovviamente con la maggiorazione festiva prevista dal contratto.

La cosa però non è piaciuta per niente ai sindacati, che hanno minacciato addirittura di far scendere in sciopero l'intero corpo della polizia locale se il Comune non deciderà di tornare a pagare i turni anche a chi i turni proprio non li fa. E in strada non scende mai.

Servizio sulla Voce in edicola venerdì 20 gennaio
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy