Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

Il sindaco di Rovigo dichiara guerra alle slot machine

Gioco d'azzardo

slot[1].JPG
Il primo cittadino impone lo spegnimento degli apparecchi per 16 ore al giorno. In tutta la provincia sono oltre 560 locali che ospitano le “macchinette”.
ROVIGO - Più di cinquecento locali dotati di “macchinette” in tutto il Polesine, per un totale di circa 2.500 videopoker e slot machine. Un movimento enorme. Di soldi e di interessi. A cui il sindaco di Rovigo Massimo Bergamin ha deciso di dichiarare guerra, imponendo l’accensione dei dispositivi per non più di otto ore al giorno, pena multe salate e - in caso di violazioni gravi o di recidiva - persino la chiusura del locale.



E’ difficile fare un censimento delle slot. Gli ultimi dati disponibili, aggiornati alla scorsa primavera, parlando di 564 locali che ospitano videopoker in provincia di Rovigo, con circa 2.564 macchinette complessive, a cui vanno aggiunge quelle ospitate in circa venti sale videolottery.





Un dato che fa del nostro territorio, dal punto di vista dell’azzardo, il più “caldo” del Veneto. E non solo: secondo uno studio, infatti, la nostra sarebbe la seconda provincia italiana per concentrazione di esercizi commerciali dedicati al gioco d’azzardo in rapporto agli abitanti, subito dietro a Rimini.



Tutti i dettagli sulla Voce in edicola il 3 ottobre
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy