Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

La febbre del gioco in Polesine <br/> è la più alta di tutto il Veneto

L'indagine

57477

Ecco i dati riferiti alle città della provincia di Rovigo

Con 23,3 esercizi nei quali sono installate slot machine ogni 10mila abitanti la provincia di Rovigo è la peggiore del Veneto
La provincia di Rovigo prima nel Veneto nella triste graduatoria legata al gioco d'azzardo e alla ludopatia.



Fra Adige e Po ci provano in tutte le maniere: dalle terribili macchinette, videopoker e slot machine, alle puntate sportive, oltre a gratta e vinci e lotterie di ogni tipo. Un continuo ricorso all'azzardo che in molti casi comporta disastri sociali, persone che si rovinano con le proprie mani.



La mappa del gioco, in Polesine, va da est a ovest, con il Delta che si dimostra più colpito del resto della provincia. I dati emergono da un'indagine Dataninja basata sugli elenchi pubblicati dal sito dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli dello Stato. Ne viene fuori la mappa del gioco in Italia, che comprende gli esercizi autorizzati a installare Newslot e Vlt in Italia, oltre 90mila su tutto il territorio nazionale.



In Polesine 23,30 esercizi con slot machine ogni 10mila abitanti. A seguire c'è Belluno, con 20,83. Più indietro Venezia (17,70), poi Verona (16,11), Treviso con 12,89 e Vicenza con 12,87. Infine Padova con 12,05.



Il servizio completo in edicola nella Voce di venerdì 1 aprile
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy