Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

Morti mentre tappavano le buche in Transpolesana, Anas chiamata in causa

83562
Anas chiamata in causa per la morte di due cantonieri, Franco Tridello e Albano Casello, morti nel febbraio del 2015 mentre tappavano le buche sulla Transpolesana.
Era stato un incidente terrificante: due cantonieri morti mentre lavoravano nella sistemazione delle buche della Transpolesana tra Badia e Canda, al chilometro 58. Erano rimasti travolti da un automezzo che transitava sulla strada statale 434 il 6 febbraio del 2015.



Oggi si è tenuta l'udienza preliminare per la morte di Albano Casello, 45 anni, e Franco Tridello, 64 anni, di Lendinara. Gli avvocati della parte civile hanno chiamato in causa come responsabili civili Anas, la compagnia di assicurazione Unipol, la società di trasporti e la società proprietaria del secondo mezzo coinvolto.



Per questo motivo il giudice Pietro Mondaini ha rinviato l'udienza al prossimo 24 ottobre. Legali delle due famiglie sono Luigi Migliorini e Alessandra Labia.



Tridellato e Casello erano impegnati a lavorare sul manto stradale, flagellato dal maltempo di quel maledetto febbraio del 2015. I due erano morti perché colpiti da un autoarticolato composto da tir e rimorchio.




Il mezzo pesante ha poi impattato anche contro il furgone con cassone di carico a bordo del quale erano arrivati i due cantonieri e posteggiato poco discosto dalla zona dove stavano lavorando.




Il servizio completo domani 21 giugno sulla Voce di Rovigo
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy