Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

“La MilleMiglia qui non la vogliamo più”

Il caso

1000 Miglia 30

1000 Miglia 0

Il sindaco di Villamarzana: “Due ore di terrore puro. Dovevamo tenere i velox accesi. In futuro sbarrerò la strada”.
Ha rischiato di dover pure pagare cinquemila euro, il sindaco di Villamarzana Claudio Gabrielli, per poi vedere “sorpassi folli, passaggi ai 150 chilometri orari in pieno centro abitato, davanti alle scuole, con nessuno che rispetta il semaforo rosso”.



Perché l’organizzazione della MilleMiglia gli aveva proposto una sponsorizzazione alla corsa da tre o cinquemila euro (a seconda del trattamento che si voleva poi ricevere). Ma lui ha rifiutato: “Sono soldi pubblici, dei miei cittadini. Li uso in modo migliore, non certo per finanziare quattro miliardari che si divertono a fare le corse mettendo a rischio la vita della gente”.



La rabbia per quanto successo venerdì mattina a Villamarzana è ancora viva nel sindaco. Lungo la strada, infatti, i piloti si sono comportati “come fosse una gara di velocità. " Sono dei pazzi. In paese abbiamo vissuto due ore di puro terrore. Basti pensare che proprio durante il passaggio della corsa quell’incrocio è stato attraversato per ben due volte dal nostro pulmino, che portava a scuola i bimbi del paese”, tuona il sindaco. "Avremmo dovuto tenere i velox in funzione. Almeno gliel'avremmo fatta pagare cara a suon di multe", continua.



Che tuona: " Se dovessero passare per Villamarzana anche il prossimo anno parcheggerò personalmente un camion di traverso sulla strada. Qui non li vogliamo più, se ne vadano da qualche altra parte”.



Il servizio completo sulla Voce in edicola domenica 21 maggio.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy