Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

E' tornato a casa il 73enne ferito nella violenta rapina di Ficarolo

Sicurezza

64067
L'uomo, 73 anni, ha potuto riabbracciare i due figli dopo la terribile notte in balia di tre banditi. Indagini a 360 gradi, coinvolti anche i Ris di Parma
Giuseppe Monesi, il 73enne di Ficarolo rimasto ferito nel corso della violenta rapina di sabato notte (15 ottobre) è stato dimesso dall'ospedale di Rovigo dove era stato ricoverato per le percosse ricevute, con la testa sbattuta violentemente contro un tavolo per fargli confessare dove fosse la cassaforte.
Cassaforte che in casa non c'è.
L'uomo ha così potuto raggiungere i due figli, Erika (anche lei rimasta ferita e che ha riportato una frattura ad un braccio) e Mattia.
"Mio padre si sta riprendendo, è un uomo forte", si è limitata dire la ragazza.
Nel corso della violenta rapina nella casa della famiglia Monesi, i ladri hanno portato via appena 600 euro.
Sull'episodio indagano i carabinieri che si avvalgono anche della collaborazione dei colleghi dei Ris di Parma, incaricati di svolgere gli accertamenti scientifici sull'auto di Erika, portata via dai banditi in una prima fase della fuga e della quale hanno poi cercato di liberarsi - senza riuscirci - gettandola in Po.
Servizio sulla Voce in edicola giovedì 20 ottobre
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy