Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

Rovigo

Referendum sulla giustizia, e chi lo sapeva?

Poca informazione per i cinque quesiti sui quali saranno chiamati a rispondere i cittadini il 12 giugno

ROVIGO - Il 12 giugno si va alle urne non solo per elezioni amministrative, ma anche per il referendum sulla giustizia. Gli italiani dovranno rispondere a cinque quesiti promossi dal Partito radicale: dall’abolizione delle firme per le candidature dei togati al Csm alla valutazione sulla loro professionalità, dalla separazione delle carriere tra giudici e pm alla limitazione della carcerazione preventiva, fino alla legge Severino sull’incandidabilità e la decadenza degli eletti condannati.

Ma i rodigini ne sono a conoscenza? E ritengono che si debba affidare a un referendum la riforma della giustizia? La maggior parte non ne era a conoscenza, ma quasi tutti ritengono sia giusto affidare a un referendum il tema della giustizia, da tanti ritenuta non equa. Ma è vero anche che per l'opinione di qualcuno sarebbe più indicato che una riforma della giustizia, per la sua complessità, competesse al Parlamento.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy