05/03/2021

BANCO FARMACEUTICO

"La Giornata di raccolta del farmaco si farà"

Dal 9 al 15 febbraio il Banco farmaceutico invita i cittadini a recarsi in farmacia e donare un medicinale per chi ha bisogno

ROVIGO - La pandemia non ferma la Giornata di raccolta del farmaco, che torna dal 9 al 15 febbraio. L'iniziativa è stata presentata questa mattina in videoconferenza.
“Iniziativa importantissima – ha detto il sindaco Edoardo Gaffeo -, siamo felici di sostenere un lavoro di squadra avviato anni fa che continua a dare molte soddisfazioni, soprattutto in un momento difficilissimo come questo, dove la valenza del progetto assume ancora maggiore importanza”.

Anche quest’anno, la GRF - Giornata di Raccolta del Farmaco, si farà. Durerà una settimana, da martedì 9 a lunedì 15 febbraio. Nelle oltre 5.000 farmacie che aderiscono in tutta Italia (riconoscibili perché espongono la locandina dell’iniziativa e il cui elenco è consultabile su www.bancofaramceutico.org), sarà chiesto ai cittadini di donare uno o più medicinali da banco per i bisognosi. I farmaci raccolti (541.175 nel 2020, pari a 4.072.346 euro) saranno consegnati a oltre 1.800 realtà assistenziali che si prendono cura delle persone indigenti, offrendo loro, gratuitamente, cure e medicinali. Si invitano i cittadini ad andare appositamente in farmacia per donare un farmaco.

A Rovigo e provincia, la Raccolta si svolgerà in 32 farmacie. I volontari di Banco Farmaceutico, come ha il responsabile spiegato Paolo Avezzù, saranno presenti, fuori dalle farmacie SABATO 13 FEBBRAIO. I farmaci raccolti sosterranno 17 realtà del territorio che si prendono cura dei bisognosi. Durante l’edizione del 2020, sono state raccolte 2.653 confezioni di farmaci (pari a un valore di 20.360 euro) che hanno aiutato 1.014 ospiti di 16 enti. In VENETO, nel 2020, sono state raccolte 44.949 confezioni di farmaci in 1.509 farmacie, pari a un valore di 339.611 euro. I medicinali raccolti hanno contribuito a curare 38.007 persone aiutate da 137 realtà caritative del territorio regionale.
La GRF si volge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio di Aifa e in collaborazione con Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute, Egualia – Industrie Farmaci Accessibili, Federsalus e BFResearch. Intesa Sanpaolo è Partner Istituzionale dell’iniziativa. La GRF è realizzata grazie all’importante contributo incondizionato di IBSA, Teva ed EG Stada Group, e al sostegno di DOC Generici, Zentiva, DHL Supply Chain e Piam Farmaceutici. La Giornata è supportata da Responsabilità Sociale Rai, Mediafriends, La7, Sky per il sociale, e Pubblicità Progresso.

L’iniziativa è possibile grazie al sostegno di oltre 17.000 farmacisti, titolari e non che, oltre ad ospitare la GRF, la sostengono con erogazioni liberali. Anche quest’anno, l’iniziativa sarà supportata da oltre 20.000 volontari. Se l’evoluzione della pandemia e le norme in vigore lo consentiranno, staranno fuori dalle farmacie (un solo volontario per farmacia, condizioni climatiche permettendo) per invitare i cittadini a donare un farmaco. Se le condizioni non lo consentiranno, forniranno un supporto attraverso attività di call center.
Quest’anno, la GRF si farà non solo nonostante la pandemia, ma a motivo della pandemia: a causa della crisi economica innescata da quella sanitaria, tante persone hanno perso il lavoro, chiuso la propria attività o subito una riduzione del proprio reddito. Chi, poi, era già povero è stato spinto in una condizione di ulteriore marginalità.
Nel 2020, 434.000 persone indigenti hanno avuto bisogno di medicinali, ma non hanno potuto acquistarli per ragioni economiche. 173.000 di essi hanno rinunciato a curarsi perché - impauriti dal Covid - non hanno chiesto aiuto agli enti assistenziali. Oppure, hanno chiesto aiuto ma, in molti casi, gli enti che fornivano loro sostegno, avevano subito l’impatto della pandemia: il 40,6% ha sospeso alcuni servizi. Il 5,9% ha chiuso e non ha ancora riaperto. Gli indigenti, quindi, sono stati ulteriormente deprivati della necessaria protezione sociale. Non bisogna dimenticare che, chi è povero, può spendere, per le medicine, circa ¼ rispetto al resto della popolazione: solo 6,38 euro al mese, contro 28,18 euro. (Fonte: 8° Rapporto sulla Povertà Sanitaria di Banco Farmaceutico).

«Nonostante le grandi difficoltà, e l’incertezza rispetto alla possibile ed eventuale presenza dei nostri volontari, abbiamo deciso che la Giornata di Raccolta del Farmaco andava fatta. Perché ce n’è bisogno come mai prima d’ora. Anzitutto, per un’esigenza concreta: i poveri hanno bisogno di medicine, ma non possono acquistarle; tante realtà assistenziali che si prendono cura di loro, hanno risentito della pandemia, e hanno bisogno di tutto il sostegno possibile per offrirlo, a loro volta, ai poveri che chiedono loro rifugio. Inoltre, il nostro Paese, per non cedere allo sconforto e poter tornare a guardare al futuro con speranza, ha bisogno di un moto collettivo di umanità e di grandi esempi di carità. La Giornata di Raccolta del Farmaco è uno di questi esempi, come Papa Francesco, ricevendo Banco Farmaceutico in udienza il 19 settembre 2020, ha voluto sottolineare, affermando: “Grazie di quello che fate. La Giornata di Raccolta del Farmaco è un esempio importante di come la generosità e la condivisione dei beni possono migliorare la nostra società”. Per questo, invitiamo chiunque possa permetterselo ad andare in farmacia – ad andarci appositamente, magari – per donare un medicinale per chi non può permetterselo», ha dichiarato Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus

Aggiungo il mio apprezzamento e sostegno a queste iniziative che si ripetono ogni anno – ha detto l'assessore al Welfare Mirella Zambello -, mettendo in rete le generosità di molti cittadini con la possibilità che le associazioni di volontariato hanno di incontrare e di sostenere le persone e le famiglie in situazione di disagio anche per l' acquisto di farmaci. la pandemia ha amplificato le difficoltà economiche, perciò questa raccolta quest'anno risulta particolarmente importante ed utile. Comunque è un messaggio di vicinanza e di collaborazione tra istituzioni, le farmacie pubbliche e private assieme alle associazioni per non lasciare solo nessuno."

Soddisfazione anche da parte di tutti gli altri partecipanti:
Silvia Semeghini vice presidente di Federfarma, Alberto Melloncelli presidente Ordine dei farmacisti, presidente e direttore di Asm, rispettivamente Giuseppe Traniello Gradassi e Giovanni Pasquin. Presenti anche Paolo Veronese di Comunione e liberazione e Stefania Berlose dell'associazione culturale Athesis che, insieme a Susanna Carlesso di Casa di Abraham, sono di grande aiuto a Paolo Avezzù, nell'organizzazione della Giornata di Raccolta del Farmaco, che poi anche quest'anno l'iniziativa coinvolgerà una settimana, dal 9 al 15 febbraio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette