16/01/2021

ROVIGO

Quali effetti hanno provocato i controlli del weekend, ai negozianti della piazza?

Secondo l'ordinanza di Zaia è vietato passeggiare per la piazza

ROVIGO - Fra le misure introdotte nell’ordinanza del presidente della regione Veneto Luca Zaia, è previsto il divieto nel weekend di passeggiare in piazza. Ciò significa che nel centro di Rovigo si può andare a mangiare, al bar, quando i locali sono aperti, al lavoro, ovviamente, a casa, nei negozi, quando sono aperti. Non si può, però, andare a passeggio.

Nella serata di sabato, le forze dell'ordine, con una particolare presenza della polizia locale, ha presidiato i varchi di accesso alla piazza.

Ma quali ripercussioni ha avuto sui negozianti? C’è stato un minor afflusso di persone? Ecco i punti di vista di chi ha un negozio in piazza Vittorio Emanuele.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Pinco Pallino

    24 Novembre 2020 - 08:08

    Credo che la domanda posta sia errata, in quanto il bene primario tutelato non è il commercio, ma la salute pubblica, Ovvio che le disposizioni emanate dall'ordinanza Zaia limitano anche le attività commerciali, Vietare il passeggio nei giorni festivi e prefestivi, ha proprio il fine preciso di evitare le condizioni di aggregazione delle persone e pertanto della diffusione del virus. Nelle varie interviste raccolte dalle persone preposte alle attività, nel confermare di aver comunque "Lavorato", non appare per nulla compreso tale fine, anzi si vorrebbe che tale disposizione venga elusa, Credo che il taglio giornalistico abbia cercato solo una finalità polemica, per nulla educativo e con obbiettivi errati, se non dannosi in questo momento, inducendo i commercianti e la gente a pensare che la polizia locale, impegnati per far rispettare le norme anticovid congiuntamente alle altre FF.PP, sia il loro problema e non tanto quello sanitario. Maurizio

    Rispondi

Notizie più lette

Come preparare la tuma al miele
#IORESTOACASA... E CUCINO

Come preparare la tuma al miele