05/07/2020

BLACK LIVES MATTER

"Dobbiamo combattere i pregiudizi assieme... a partire da noi stessi"

In tantissimi questo pomeriggio in piazza Matteotti per partecipare alla manifestazione anti-razzista

ROVIGO - Il movimento Black Lives Matter, oggi pomeriggio è arrivato anche a Rovigo. Tantissimi i giovani rodigini che si sono dati appuntamento ai giardini Matteotti per ribadire che Rovigo non è razzista. A far scattare la scintilla il caso Floyd. “L’ennesima vita persa per il colore della pelle” è stato ribadito ieri.

Una manifestazione che si è svolta in maniera pacifica, nel rispetto delle disposizioni per evitare la diffusione del virus. Una manifestazione durante la quale ha prevalso l’ascolto. In tantissimi, giovani soprattutto, hanno ascoltato storie e testimonianze di una città che “non è razzista, ma…”.

Le testimonianze sono iniziate dopo un silenzio di 8 minuti e 46 secondi, il tempo esatto durante il quale un poliziotto americano ha tenuto il ginocchio premuto contro il collo di George Floyd.

“Sono lunghi otto minuti” hanno detto i ragazzi prima di cominciare a raccontare la propria esperienza nella nostra città. “La prima volta che ho capito che il colore della mia pelle sarebbe stato un problema avevo sei anni - racconta una - ero all’asilo, mi hanno chiamata offendendo il colore della mia pelle”.

“Non vi dico le volte in cui per strada mentre portavo a spasso il cane - aggiunge un’altra - mi hanno fermata per chiedermi quanto volessi all’ora o perché non fossi in giro a spacciare droga.  Per voi questi episodi potrebbero sembrare cose di poco conto, ma fanno male. Male al punto che mi domando, spesso, se valga davvero la pena, un giorno, mettere al mondo dei figli in un Paese in cui avere la pelle di un colore diverso significa essere visti come ‘l’altro’”.

Infine un appello, rivolto a tutti: “Non basta una manifestazione per fermare il razzismo, lo sappiamo. Bisogna lavorarci, assieme, ogni giorno. E non basta dire ‘io non sono razzista’. Bisogna essere attivamente anti-razzisti. Bisogna parlare e pensare consapevolmente, combattendo gli stereotipi che si trasmettono ai bambini fin da piccoli. Dobbiamo iniziare adesso. E per questo abbiamo bisogno di voi. Non possiamo aspettare un’altra manifestazione, un’altra vita persa perché il colore della pelle non è bianco, per agire”

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette