10/08/2020

ALLARME CORONAVIRUS

"Siamo nella fase di picco del virus, l'allerta deve essere massima da parte di tutti"

Il bollettino del direttore generale dell'Ulss 5 Polesana Antonio Compostella

ROVIGO - Incontro congiunto tra Prefettura e Ulss 5 Polesana in Cittadella a Rovigo. Il consueto bollettino quotidiano di aggiornamento della situazione relativa ai contagi da Coronavirus da parte dell'azienda sanitaria è stato affiancato dalla spiegazione del decreto del presidente del consiglio anti-coronavirus da parte del prefetto Maddalena De Luca.

"I contagi sono fermi a 7, l'ultimo caso è una donna di 70 anni di Adria - ribadisce il direttore generale Antonio Compostella - uno dei positivi ricoverati è peggiorato ed è stato spostato in terapia intensiva, ma le sue condizioni sono stabili. Ribadisco che non c'è alcun focolaio in Polesine né ad Adria: non ci sono i numeri e le condizioni. La signora risultata positiva ieri era passata al pronto soccorso di Adria poiché aveva sintomi gastrointestinali. Per questo tutte le persone del pronto soccorso, una ventina circa, che sono state a contatto con lei sono state poste in isolamento domiciliare precauzionale. Oggi eseguiremo il tampone, domani sapremo l'esito. E visto che altrettanti sono nella stessa situazione a Rovigo, arriveranno da mercoledì 11 infermieri e altrettanti la prossima settimana".

"Voglio rassicurare che il pronto soccorso di Adria rimane attivo e operativo, con servizi di 118, urgenza ed emergenza: ci sarà la collaborazione dei medici e degli infermieri dal reparto di chirurgia. Siamo nella fase di maggior tensione e di picco del virus, questi sono i giorni dove l'allerta deve essere massima da parte di tutti".

ECCO IL BOLLETTINO COMPLETO

Il Direttore Generale, dottor Antonio Compostella nel consueto commento sulla situazione polesana rispetto all’infezione coronavirus ha oggi precisato: “ A costo di essere ripetitivo, voglio sottolineare che non esiste un focolaio polesano di infezione da coronavirus. Facendo le debite proporzioni, le più accurate proiezioni in percentuale, ricordo altresì che la nostra provincia ha il più basso numero di casi positivi in Veneto. In questo momento il numero complessivo dei residenti in Polesine che osservano isolamento domiciliare con sorveglianza sono 151, mentre i tamponi eseguiti per ricerca  coronavirus sono 80, 73 con esito negativo, 7 i casi positivi. Abbiamo due pazienti già dimessi, ma che ripeteranno il tampone dopo altre due settimane di isolamento per essere più che certi della loro guarigione, un paziente le cui condizioni sono stabilizzate in terapia intensiva, 4 pazienti in malattie infettive in condizioni stabili -  conferma il Direttore Generale – ricordo che si sta giungendo all’apice della infezione, non mi stupirei di nuove positività”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette