03/12/2021

Blackjack: origini, storia e le versioni del “21”

Blackjack: origini, storia e le versioni del “21”

22/11/2021 - 15:13

Il blackjack è indubbiamente uno dei giochi di carte più conosciuti al mondo. A risultare meno note, però, sono le sue origini. Il gioco è stato inventato tra il 1600 e il 1700 dai francesi ed era stato battezzato inizialmente “21”, per poi diventare “blackjack” quando è arrivato in America, in virtù di una vecchia regola per cui con un jack di picche fosse possibile ottenere premi superiori al normale. Ancora oggi, a livello internazionale sono diffuse entrambe le denominazioni del gioco. “21” è non a caso anche il nome del più famoso film dedicato al blackjack, incentrato sulle vicende di una vera e propria squadra di studenti realmente esistita, che anni fa fece furore nei principali casinò americani. Anche altre produzioni celebri come “Rain Main” o alcuni capitoli della serie di 007 hanno omaggiato talvolta il blackjack sul grande schermo.

Come si gioca a blackjack

Nel blackjack a vincere è chi consegue un punteggio superiore a quello del banco, che sfida a turno tutti i partecipanti. Per capire come si gioca a blackjack bisogna innanzitutto entrare nell’ottica delle idee che non si tratta di un tutti contro tutti. Il massimo dei punti ottenibile è pari a 21 e se si supera tale limite si perde automaticamente la mano. Per iniziare una partita servono due mazzi di carte. Una volta che sono state dichiarate le puntate di tutti i giocatori, questi ultimi ricevono una carta scoperta, il cui valore dovrà essere sommato a quello di tutte le altre. Va da sé che in un gioco del genere soprattutto, la fortuna assume un ruolo fondamentale e in alcuni casi si è costretti a chiedere carta per non accontentarsi di un punteggio troppo basso, finendo col superare i 21 punti, ma questo aspetto non ha minato la popolarità del gioco, tanto che il termine “blackjack” è finito anche nei dizionari. Stiamo parlando di una specialità delle carte che è insita nella cultura popolare.

Regole del blackjack

Le regole del blackjack non sono troppo elaborate e per certi versi ricordano quelle del 7 e mezzo, in cui è sempre necessario ingaggiare un duello col mazziere facendo attenzione a non oltrepassare il punteggio suggerito dal nome del gioco stesso. Una regola che può fare la differenza in una partita e può evitare proprio di far “sballare” un giocatore è quella dello “split”, che fa sì che due carte dello stesso valore non vengano sommate tra loro, ma seguano due strade completamente differenti, a patto che venga raddoppiata la puntata. Nella versione europea del gioco le carte sono scoperte sin dall’inizio, mentre in quella americana il mazziere preleva subito due carte, di cui la seconda rimane coperta. Il blackjack si effettua arrivando proprio ai succitati 21 punti e dà diritto a un pagamento maggiorato.

Il ruolo del banco nel blackjack

Chi ricopre il ruolo del banco nel blackjack è destinato a giocare sempre per secondo. Le regole che caratterizzano la partita del mazziere, comunque, non sono le stesse degli altri giocatori. Ad esempio, il banco non può provare ad aumentare il proprio punteggio una volta che ha raggiunto quota 17. Nel caso in cui uno dei partecipanti sbanca vincendo più del previsto, il mazziere può stendere un drappo nero sul tavolo di gioco, a mo’ di dichiarazione di resa.

L’asso nel black jack

Che valore ha l’asso nel blackjack? In molti giochi questa carta può rivelarsi fondamentale per l’esito di una partita e nel gioco di carte 21 il suo valore è variabile: il giocatore può decidere se l’asso valga un solo punto o 11, mentre le figure ne valgono 10 e le altre carte conservano il loro valore nominale. La presenza di un asso è fondamentale per il conseguimento del blackjack, cioè del miglior punteggio presente nel gioco.

Il gioco di carte 21: dal tavolo verde alle piattaforme online

Il 21 si è evoluto negli anni al punto da essere giocato anche in forma smaterializzata. Da diverso tempo a questa parte, infatti, gli appassionati che consultano la lista dei casino online AAMS a disposizione sulla rete possono scegliere una soluzione per giocare a una versione digitale del blackjack, così come ad altri giochi di carte e non, da un dispositivo portatile o da un computer, piuttosto che intorno a un tavolo fisico. Nonostante l’età, il blackjack è diffuso a livello globale e non sorprende che alcuni giocatori si divertano a sfidare dei loro colleghi dall’altra parte del mondo. Anche a causa del boom di internet, però, è aumentata l’attenzione nei confronti del gioco patologico. Le piattaforme online e le applicazioni per dispositivi mobile rimangono comunque uno sbocco valido per gli amanti del blackjack e non solo. Non sono pochi i giocatori che ormai preferiscono ridursi a qualche click invece di recarsi in una sala dal vivo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette