08/08/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Adria non c'entra nulla con il cluster del virus importato dalla Serbia, ci siamo sbagliati e ci scusiamo"

Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, durante la conferenza stampa di oggi

Zaia segue Fontana: "Chiudiamo tutto"

Il presidente della Regione Luca Zaia

MARGHERA - "Adria non c'entra nulla con il cluster del virus importato dalla Serbia", lo ha detto il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, durante la conferenza stampa di oggi dalla sede della protezione civile di Marghera, tornado sul caso del presunto legame con la città di Adria della cinese infettata dall'imprenditore vicentino denunciato perché avrebbe portato in giro il virus preso in Serbia.

"Ci scusiamo tantissimo con la profumeria di Adria, è stato un errore materiale di chi ha compilato il report - spiega Zaia - è stato invertito il nome della sorella, titolare della profumeria, con quello della cinese infettata dall'imprenditore. Adria non c'entra nulla con il virus della Serbia. Andate tutti in profumeria, recuperate anche i giorni persi".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette