08/07/2020

REGIONALI

"Serve subito un elenco di sedi alternative alle scuole per i seggi elettorali"

La proposta della senatrice veneta di Italia Viva, Daniela Sbrollini

"Serve subito un elenco di sedi alternative alle scuole per i seggi elettorali"

VENETO - "Una  proposta a tutti i candidati presidenti di regione, un documento entro il 19 luglio con tutte le sedi per votare a settembre, liberando le scuole" la proposta di Daniela Sbrollini, senatrice di Italia Viva. Da ieri abbiamo certezza che le scuole riaprono finalmente il 14 Settembre. Da settimane si discute della assurdità della necessità di riaprirle e dopo 5 giorni richiuderle per ospitare i seggi elettorali per le elezioni amministrative, regionali e per il referendum.

"Possiamo passare dalle parole ai fatti," afferma Daniela Sbrollini, senatrice veneta di Italia Viva,"se io fossi candidata alla presidenza della Regione Veneto, il primo atto che proporrei immediatamente a tutti i candidati presidenti di tutte le coalizioni della mia Regione e a tutti quelli delle altre regioni al voto sarebbe di preparare un documento unico da inviare al Ministro dell'interno, Lamorgese. Un documento che ci impegneremo a completare entro e non oltre il 19 luglio (a 60 giorni dal voto) per presentare tutte le sedi istituzionali e di proprietà pubblica utilizzabili nei territori al voto come sedi straordinarie per le operazioni elettorali. In questo modo offriremmo al Governo una alternativa concreta e non una semplice richiesta e libereremmo le scuole che da ieri sappiamo finalmente che riaprono le porte ai nostri bambini e ragazzi dal 14 settembre e che sarebbe veramente inconcepibile che fossero chiuse dopo pochi giorni per il voto. In tanti hanno già sollevato il problema ma la mia proposta è di passare da una legittima richiesta a una concreta soluzione che possiamo e dobbiamo trovare tutti insieme sui territori e secondo me anche in tutta Italia, visto che ovunque si vota per il referendum e in moltissimi comuni per le amministrazioni locali. Se questa soluzione concreta viene costruita puntualmente e per tempo da parte di tutti i candidati presidenti delle 7 regioni al voto acquista ancora più forza e credibilità. Possiamo farlo. Dopo tanti mesi lontani dalle aule a causa della pandemia sarebbe una vera assurdità togliere anche solo un giorno ai bambini e ai ragazzi a scuola. E la soluzione è a portata di mano".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette