26/05/2020

REGIONE DEL VENETO

"Anche il traffico in autostrada riprende, è un segno evidente della ripresa"

Lo dice l'assessore regionale ai trasporti Elisa De Berti

"Anche il traffico in autostrada riprende, è un segno evidente della ripresa"

VENETO - Una diminuzione dei transiti pari al 69,76% tra il mese di aprile 2019 e quello di quest’anno (che sale al 74,01% prendendo in considerazione la settimana dal 13 al 19 aprile), divario che si abbassa al 53,08% confrontando il periodo dal primo al 14 maggio dei due anni, e un progressivo aumento del volume di traffico in queste settimane: +45,37% negli ultimi quattro giorni rispetto allo stesso periodo di due settimane fa e un ulteriore aumento del 5,96% da lunedì scorso a ieri.

Sono questi in sintesi i dati registrati da CAV, Concessioni Autostradali Venete, sugli oltre 70 chilometri di tratte autostradali gestite dalla società (Passante e Tangenziale di Mestre, Raccordo tra la A57 e l’aeroporto Marco Polo di Venezia).

“Questi dati – commenta l’assessore alle infrastrutture e trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti – confermano che nel Veneto, ormai dal 10 aprile, quando il Governo decise di riaprire molte imprese e concesse il silenzio-assenso alle richieste di deroga, il lockdown ce lo stiamo lasciando alle spalle e che, con le doverose cautele, avendo sempre come priorità la salvaguardia della salute dei cittadini e dei lavoratori, la ripartenza è già iniziata. Emerge evidentemente come i transiti stiano gradualmente crescendo: negli ultimi quattro giorni si segnala un +7,19% dei veicoli leggeri e un +4,18% dei mezzi pesanti rispetto alle stesse giornate della settimana scorsa. Per i primi l’incremento deriva anche dalle condizioni di maggior sicurezza, sul piano del distanziamento sociale, che l’auto propria offre in alternativa all’utilizzo del trasporto pubblico; per i mezzi pesanti, invece, si tratta di indicatore della ripresa delle attività commerciali e produttive”.

Se tutti faranno il proprio dovere e si atterranno alle essenziali prescrizioni di sicurezza – conclude De Berti –, il percorso intrapreso dalla Regione e dal Presidente Zaia ci condurrà a un sempre maggior avvicinamento alla normalità, nella consapevolezza che con questo virus dobbiamo imparare a convivere ancora per tempo. Solo così potremo affrontare la crisi economica causata dalla pandemia e guardare al futuro con rinnovata fiducia”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette