30/05/2020

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

"Sistema a rischio collasso se non si trova un accordo tra istituzioni"

L’invito del gruppo consiliare del Partito Democratico alla Regione del Veneto

autobus[1].JPG

VENEZIA - “Per le aziende di trasporto pubblico si pone un serio problema di sostenibilità finanziaria, con perdite per milioni di euro. Per questo siamo convinti che la collaborazione tra istituzioni diventi cruciale: stiamo parlando di un servizio fondamentale e perciò dobbiamo garantire le stesse risorse sia per l’anno in corso che per il prossimo, altrimenti il sistema rischia il collasso. Ma non basta. Chiediamo anche alla Regione Veneto di fare la propria parte: dimostri di voler realmente cambiare passo in termini di investimenti rispetto al passato”. È l’invito del gruppo consiliare del Partito Democratico con il capogruppo Stefano Fracasso, la vice Francesca Zottis e i colleghi Graziano Azzalin, Anna Maria Bigon, Bruno Pigozzo, Claudio Sinigaglia e Andrea Zanoni, al termine della seduta odierna della Seconda commissione.

“Avevamo chiesto l’audizione delle aziende del trasporto pubblico al fine di capire quale fosse il quadro attuale e quali siano state le maggiori criticità emerse nella fase uno e quelle della fase due. Il lato positivo è che resta inalterato il Fondo nazionale garantendo così gli stessi finanziamenti a fronte di servizi che non si sono potuti fornire, il Governo ha poi aggiunto con il Decreto Liquidità altri 800 milioni per il Tpl. Sarà importante la velocità di erogazione da parte dello Stato e della Regione, ma ancora non è sufficiente. Per questo sollecitiamo la Giunta a dare il proprio contributo, così da assicurare il mantenimento dei servizi e la qualità offerta. Inoltre è necessario rispondere alla richiesta di molte famiglie di rimborso di abbonamenti non usufruiti, tema che non può ricadere solo sulle spalle delle aziende”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette