01/12/2020

CORONAVIRUS IN VENETO

Al via i tamponi a campione, si faranno 11mila tamponi al giorno

Prima a medici e nelle case di riposo, poi ai cittadini in strada

"Tamponi a sorpresa e a campione? Non è escluso"

ROVIGO - Al momento vengono eseguiti circa 3200 tamponi al giorno, il piano è quello di arrivare agli 11mila quotidiani. Lo ha spiegato il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, nel corso del periodico appuntamento con la stampa di lunedì 16 marzo. L'idea, quindi, è quella di avviare una massiccia campagna di campionamento, per identificare e "bloccare" - con l'isolamento - i cosiddetti "positivi asintomatici", ossia coloro che hanno contratto la patologia, restando però esteriormente in perfetta forma fisica e senza alcun sintomo. Si tratta, infatti, di persone che, pur stando bene, sono perfettamente in grado di contagiare altre persone che, invece, possono sviluppare la malattia in forma anche grave.

Gradualmente, quindi, si vuole arrivare a fare il tampone anche a coloro che, per ora, sono stati esclusi dal campionamento, non avendo sintomi gravi. Una decisione per la quale il presidente della Regione è stato criticato. "Me ne strafrego - ha detto, nel corso dell'incontro - la nostra decisione è quella di andare avanti con la campagna di tamponi". La priorità sarà data a medici e personale sanitario, case di riposo e medici di base, per arrivare poi alle strade e ai cittadini, con controlli, appunto, a campione, che consentano di bloccare il maggior numero di positivi ancora non emersi.

In particolare, la campagna di campionamenti sulle strade dovrebbe iniziare entro il fine settimana.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette