24/10/2020

RALLY

Rampazzo, in extremis, al via del Dolomiti Rally

Il pilota di Montegrotto è riuscito in tempo record ad iscriversi per l'appuntamento chiave della sua intera stagione 2020

Rampazzo, in extremis, al via del Dolomiti Rally

MONTEGROTTO TERME – Il passo falso del recente Città di Bassano, con una toccata al posteriore che ne aveva sancito il prematuro ritiro, aveva gettato nel totale sconforto Renzo Rampazzo, costretto a mettere in forse la propria partecipazione al successivo Dolomiti Rally, in programma per il prossimo fine settimana, evento cardine per la sua annata.

In virtù di un calendario reso oltremodo ristretto dall'emergenza Coronavirus l'appuntamento bellunese, secondo ed ultimo in calendario del Triveneto per le titolazioni di zona, si apprestava ad essere fondamentale per i destini del pilota di Montegrotto ma, grazie all'enorme lavoro svolto dallo staff di Baldon Rally, la Renault Clio R3 è pronta per presentarsi al semaforo.

“Da una trasferta votata al puro divertimento” – racconta Rampazzo – “il Bassano ci ha complicato, a dir poco, la vita. Quest'anno i due obiettivi che abbiamo si articolavano su due soli appuntamenti, Scorzè e Dolomiti appunto, e trovarsi con dei seri danni alla nostra vettura e con pochissimo tempo a disposizione ci aveva preoccupato parecchio. Grazie ad Alessandro ed a tutti i suoi ragazzi la vettura è stata rimessa in sesto. Hanno svolto un lavoro enorme e ci auguriamo di poter ottenere un buon risultato, al Dolomiti, perchè se lo meritano di tutto cuore.”

Due gli obiettivi stagionali del portacolori della scuderia La Superba, a partire da una quarta zona di Coppa Rally ACI Sport che lo vede attualmente al secondo posto, in classe R3C, in mezzo ai due fuochi del leader Ghegin, avanti di due punti, e di Irlacher, dietro di altrettanto.
Spostandoci in casa del neonato R Italian Trophy, ideato dal vulcanico Guglielmo Giacomello, nella classifica che unisce le vetture R3 ed R2, in zona quattro, Rampazzo comanda un gruppetto all'inseguimento del podio, accusando un gap di 18,7 punti dalla vetta mantenuta da Ghegin, di 15,62 da Sartor e di 7,44 dall'ultimo gradino, sul quale risiede ora Dal Castello.

“Cercheremo di dare fastidio a Ghegin” – aggiunge Rampazzo – “anche se sappiamo che dovremo lavorare sodo per poter stare al suo passo. In entrambe i campionati ci troviamo in una buona posizione, grazie ai buoni punti raccolti nel precedente Città di Scorzè. Il Dolomiti chiuderà la quarta zona, per entrambe le serie che stiamo seguendo, quindi è naturale che, se vogliamo chiudere in bellezza questa fetta cruciale di stagione, dovremo dare il massimo.”

Affiancato nuovamente dal rodigino Michele Barison, sul sedile di destra, Rampazzo sarà chiamato a giocarsi le proprie carte su tre prove speciali, tutte da disputare, per tre passaggi, Domenica 11 Ottobre: “Oltach” (6,68 km), “San Tomas” (6,85 km) e “Valada” (7,48 km).

“Abbiamo già corso qui anche lo scorso anno” – conclude Rampazzo – “concludendo con un buon terzo posto di classe. Si tratta di una gran bella gara. Il nostro compito, mio e di Michele, sarà quello di affinare la reciproca conoscenza in abitacolo, chiave di lettura fondamentale.”

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette