01/12/2020

ATLETICA LEGGERA

È tempo di raccogliere i frutti del seminato: risultati genuini e preziosi per la Discobolo Atletica

Ricominciano questo mese le gare, dopo mesi di fermo per il covid

ROVIGO - per la Discobolo Atletica l'inizio di questo mese segna l'inizio della raccolta dei frutti di quanto seminato nei mesi scorsi, compresi quelli tristi e difficili del lockdown.

Infatti, il primo Tac dopo la pausa estiva ha prodotto grappoli di risultati genuini e preziosi, ad opera della categoria cadetti, nella trasferta sul campo di atletica di Monselice, nonché dell'allievo Andrei Neagu ai campionati regionali di categoria a Mestre.

Proprio quest'ultimo atleta ha colto una preziosissima medaglia d'argento con il tempo di 1'57” sulla distanza degli 800 metri. Tempo che fa ben sperare per un'ottima prestazione agli imminenti campionati italiani di Rieti. La sfida per il tricolore è lanciata.

A Mestre ha gareggiato anche Gaia Cappello nei 400 metri, sempre categoria allieve.

La ragazza italo inglese, con poca preparazione alle spalle, dopo tanti mesi ha ritrovato le sensazioni della gara e ha concluso con una prova dignitosa che servirà per programmare al meglio la prossima stagione.

A Monselice, invece, a brillare sono stati diversi atleti nelle più disparate discipline.

Innanzitutto il sempre più convincente Gioele Vitali, capace della migliore prestazione nel lancio del disco con oltre 27 metri, e della terza piazza nel getto del peso col suo nuovo limite personale di 10,47 metri.

Ulteriore salto di qualità anche per la giovane cadetta Elena Crepaldi, che dopo una bella prova sugli 80 metri (quinta posizione) con 10.8, nuovo personale, ha letteralmente frantumanto il proprio record anche sui 300 hs, migliorandosi di ben 1”2 e portandosi, con il tempo di 48.6, ai vertici regionali di specialità; neanche a dirlo, il suo è stato il miglior risultato di giornata nella specialità.

Bellissima prova anche di Anna Martinelli che, dopo il miglioramento sugli 80 metri, ha portato a termine la gara di salto in alto concludendo con la misura di 1,30 metri, ben 15 cm in più rispetto al precedente primato.

Negli 80 metri e nel salto in lungo la compagine biancoazzurra schierava due atleti versatili: Christian Capato e Filippo Rocco. Christian ha realizzato un bellissimo 4,72 metri nel salto in lungo e un buon piazzamento nello sprint con il tempo di 10.2, mentre Filippo ha migliorato il suo primato nella gara veloce con il tempo molto buono di 10.1 e un grande incremento anche nel salto in lungo, in cui ha realizzato la misura di 4,62 metri.

Nel mezzonfondo erano infine impegnati Alessandro Gonta e Matteo Cominato.

Alessandro, a caccia del primato sui 1000 metri, ha condotto una gara tatticamente perfetta, mettendosi dietro al battistrada e non mollando mai, tranne nella volata finale. In ogni caso, terzo posto e, soprattutto, tempo finale di 3'03.2, ossia oltre 8 secondi sotto il proprio limite. Coraggiosa anche la prova di Matteo, che ha concluso la gara sempre dei 1000 metri, eguagliando il proprio personale di 3'38”.

Finalmente, giovedì 10 ritornano in pista anche gli atleti della categoria ragazzi, alla prima prova outdoor della stagione, e la Discobolo, come sempre, saprà onorare con una presenza massiccia e con risultati di rilievo l'appuntamento.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette