31/03/2020

Il gruppo sportivo

San Pio X, una storia lunga sessant’anni

La società è nata nel 1959 su iniziativa di alcuni ragazzi incoraggiati dal parroco

San Pio X, una storia lunga sessant’anni

ROVIGO - Sessant’anni di attività e non sentirli. Nel 1959 nasce il Gruppo Sportivo San Pio X: su iniziativa di alcuni ragazzi di allora incoraggiati e sostenuti dal parroco don Carlo Ferrari, si organizzano attivitá di calcio sul campetto a fianco della ex chiesa. Gli spogliatoi sono ricavati nei sotterranei della vecchia casa canonica, mentre le docce sono costituite da due bidoni lasciati dai muratori.

Una storia come tante altre in quel periodo, ma che è continuata fino ai giorni nostri. Lino Bernardinello, Benito Accorsi, PierFrancesco Bellinello, Renzo Bragato, Rino Galiazzo, Giorgio Stecca e il maestro Zambello sono tra i pionieri di un'avventura che da 38 anni accompagna la crescita, non solo fisica, di tanti ragazzi e ragazze del quartiere.

Nel 1971, la svolta che trasforma il Gruppo Sportivo in Polisportiva San Pio X, con l’allargamento delle attivitá all’atletica, alla ginnastica psicomotoria per i bambini delle scuole elementari, alla pallavolo maschile e femminile.

Da ricordare, in questa fase, l’opera instancabile del maestro Raffaele Sansone e la preziosa disponibilità di Felice Turazzi. La sede diventa la saletta attigua al bar, nella ex canonica. Di solito, la storia di una societá sportiva viene identificata con campionati e trofei conquistati. Senza voler togliere gloria ai calciatori degli anni '60 o ai pallavolisti degli anni ‘70 e ‘80 la vera storia della Polisportiva è stata scritta dalla molteplicitá e dalla qualitá delle relazioni instaurate, tramite lo sport, tra persone di ceti e culture diverse, testimoniate da tanti “ex ragazzi” che ancora oggi ricordano le loro esperienze in Polisportiva come momento forte e significativo della loro crescita fisica, umana e sociale. Gli anni 2000 vedono la Polisportiva protagonista di un momento molto vivace, di grande partecipazione ed attivismo. Da una collaborazione con il Comune di Rovigo, decollano i progetti di animazione estiva, dove arrivano durante le estati, fino a 150 bambini e ragazzi del quartiere, e più di 40 giovani animatori. Sono anni di grandi emozioni ludiche, ricreative e sportive: cacce al tesoro, grandi giochi e spettacoli fino a riempire l’intero Teatro Don Bosco.

Gli anni in cui tutti ricordano le feste dello Sport con serate che riempivano di animazione, e anche un po’ di confusione, il quartiere. Anni d’oro anche per i tanti volontari coinvolti in cucina, tombola, spettacoli, tornei, mostre, montaggio e smontaggio. Una vera e propria grande “macchina” del volontariato sociale.

Nell’anno 2005-2006, in collaborazione con Istituto Comprensivo Rovigo 4, Csi, Comune di Rovigo, apre il dopo scuola angolo cottura, partito come un desiderio di dare continuità e completezza a tutte le attività: è un tassello oggi fondamentale dell’odierna proposta formativa.

Tanti giovani ragazzi, studenti e laureati, con la passione dell’educazione. In quegli anni, molti sono i risultati ottenuti nel volley, arrivando alla promozione in Prima divisione, con Renzo Brancalion, e nel calcio, alle due promozioni storiche in Seconda categoria, con la squadra guidata da Alberto Nabiuzzi. Negli ultimi anni, il San Pio X approda anche alla Scuola calcio certificata, che ora vede uno staff di allenatori altrettanto qualificati e competenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette

L’under 14 scalpita: “Non vediamo l’ora di ricominciare”
MONTI RUGBY ROVIGO JUNIOR

"Mi mancano i miei ragazzi"