05/04/2020

CALCIO

Coronavirus, l'attività calcistica in confusione

Il delegato della Figc Pastorello annuncia un vertice per lunedì

Coronavirus, l'attività calcistica in confusione

ROVIGO - Il decreto ministeriale della notte dell'8 marzo è chiaro dal punto di vista delle attività sportive. "Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati - si legge nella normativa - Resta consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico. In tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus Covid -19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano”.

Tutto questo fino al 3 aprile prossimo e considerando anche il fatto che ora le province di Treviso, Venezia e Padova sono considerate “zone rosse”, dove entrare ed uscire è consentito solo se strettamente necessario. Gli scenari che si aprono sono quindi molteplici e se ne parlerà oggi in un vertice a Roma tra i rappresentanti regionali della Figc.

Il delegato provinciale Figc Luca Pastorello dice la sua sul futuro di questa stagione sportiva: “Domani ci sarà questo vertice della Figc e lì si parlerà dell’ultimo decreto ministeriale. Le soluzioni possono essere tante, ma anche poche: al momento la cosa certa è che è impossibile programmare ogni tipo di attività. Anche ipotizzare eventuali soluzioni da prendere è difficile, soprattutto perché tutto evolve giorno dopo giorno. Potrebbero essere sospesi i campionati, o congelate le classifiche, o riprendere dopo Pasqua disputando solo gli incontri rimanenti e non quelli rinviati. Sono tutte ipotesi perché non c’è nulla di certo e, al momento, è impensabile programmare”. Nel vertice di oggi quindi potrebbero essere prese delle decisioni che influenzeranno il futuro di questa stagione sportiva. Certo è che allo stato attuale anche la situazione “meno peggio” non sarà facile da prendere rischiando sempre, come in ogni ambito, di non riuscire ad “accontentare” tutti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette