21/01/2021

CORONAVIRUS

"I nostri ragazzi al primo posto"

La lettera inviata dalla Polisportiva San Bortolo ad atleti e genitori. "Si può crescere assieme anche senza allenamenti"

Effetto Corona Virus: la Figc rinvia una parte delle gare

ROVIGO - "Carissimi amici, carissimi genitori". Comincia così la nota che la Polisportiva San Bortolo scrive agli atleti del settore calcio e pallavolo e ai genitori, per dire che, pur potendo, a norma di legge, non farà riprendere gli allenamenti sino al 1° marzo. Perché, prima di tutto, viene la salute dei propri ragazzi.

"I dirigenti e gli allenatori della Polisportiva San Bortolo - spiega la nota - consapevoli della responsabiltà a cui tutti siamo chiamati per il contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid 2019, hanno deciso di rispondere, in maniera univoca, alle molte richieste di chiarimenti sulal ripresa delle attività sportive. Abbiamo tutti ben chiaro che ognuno di noi deve fare la propria parte, soprattutto in questa prima settimana di scoperta dei vari focolai, per capire bene l'evoluzione di questa nuova malattia. Innanzitutto, ci auguriamo che nessuno dei nostri atleti, delle nostre atlete, dei nostri allenatori, dei nostri dirigenti e i loro familiari possano essere coinvolti nella trasmissione di questo nuovo virus".

"Premesso tutto questo e non nascondendoci dietro la poca chiarezza nei termini (esempio: quando c'è concentrazione di persone in uno spogliatoi 3x6 o in una palestra 13x26? O dietro il rischio delle sanzioni (art. 650 Codice penale) annunciate nell'ordinanza, abbiamo condiviso che l'allenamento è uno strumento, non l'obbiettivo per migliorare singolarmente e come squadra. La Polisportiva San Bortolo ha chiarito che il risultato viene dopo la crescita equilibrata dell'atleta e della squadra, crescita che va oltre il semplice aspetto tecnico, ma che deve coinvolgere anche gli aspetti relazionali e sociali".

"Ha inoltre chiaro il proprio ruolo educativo all'interno della comunità in cui opera - prosegue la nota - Per questo rimaniamo convinti che la nostra attività deve rimanere sospesa almeno sino al 1° marzo, e ci auguriamo che questa settimana priva di apprendimenti tecnici (due o tre allenamenti), sia occasione per capire che insieme possiamo crescere come sportivi e come persone".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette