27/05/2022

Pesca

Caro gasolio e pesca in crisi: servono soluzioni

Il segretario di Flai-Cgil Rovigo, Baldi: "Nessun ammortizzatore per i pescatori e gli armatori parlano di licenziamenti"

Caro gasolio e pesca in crisi: servono soluzioni

13/05/2022 - 13:38

ROVIGO - "Gli effetti del caro gasolio, senza dimenticare la riduzione dello sforzo di pesca (periodo di fermo), continuano a rendere instabile l’attività di pesca, un settore già in difficoltà anche nel nostro Delta". A dirlo il segretario generale della Flai-Cgil Pesca di Rovigo, Mauro Baldi. "Le misure contenute del Decreto Energia di marzo avevano dato qualche speranza ai lavoratori imbarcati ed alle imprese - continua - ad oggi, però, queste speranze sono svanite perché nulla è arrivato e la situazione sta diventando sempre più difficile".

"In questi giorni, molte imprese della nostra Penisola hanno dichiarato di voler disarmare le imbarcazioni e di voler licenziare i loro dipendenti - lancia l'allarme Baldi - parliamo, in tutta Italia di 25mila lavoratori che rimarrebbero senza reddito e senza lavoro. La Flai-Cgil Pesca di Rovigo, comprende lo stato di disagio e di difficoltà nel quale si trovano le imprese ma non condivide la soluzione proposta, o comunque minacciata, che andrebbe verso un vero e proprio massacro sociale anche in Polesine. Pertanto, in una situazione di difficoltà come quella attuale, si rende estremamente necessario un ammortizzatore sociale che possa sostenere, in maniera strutturale, il reddito dei lavoratori".

"Purtroppo, la Cisoa pesca è allo stato attuale una scatola vuota: inutilizzabile per i lavoratori e un ulteriore costo per le imprese che da gennaio di quest’anno hanno cominciato a pagare - ammonisce Baldi - come già fatto in varie circostanze attraverso forti sollecitazioni, la Flai-Cgil, dopo mesi di attesa chiede per l’ennesima volta al Governo, un immediato intervento economico a sostegno del settore della pesca e di rendere la Cisoa pesca effettivamente adeguata ed utilizzabile, al fine di garantire la continuità occupazionale, il reddito delle imprese ed evitare così il blocco dell’attività di uno dei comparti essenziali anche del nostro territorio. La pesca, come tutto l’agroalimentare del Polesine, rappresentano dei settori strategici per gli obbiettivi di sicurezza alimentare locale e nazionale, oggi ancora più evidente in tempi di pandemia e di guerra. E' quindi inaccettabile che questo bene collettivo rischi di scomparire, magari favorendo l’ulteriore ingresso di prodotti importati sui nostri mercati e trasformando i nostri pescatori in una specie a rischio d’estinzione".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette