20/10/2021

Adria

Spinello e tutti i dubbi sulla viabilità "civica"

Il capogruppo del Pd critica le scelte della giunta Barbierato

Spinello e tutti i dubbi sulla viabilità "civica"

Il consigliere comunale Gino Sandro Spinello

21/03/2021 - 14:06

ADRIA - La viabilità di Adria al centro del dibattito politico. Ne parla il capogruppo del Partito democratico, Sandro Gino Spinello. "Il problema non è solamente il nuovo senso unico di Riviera Matteotti e come si vuol far vivere il centro storico li abbiamo, intanto, costretti a dire che vogliono pedonalizzare Piazza Garibaldi - le sue parole - sorvolano sui loro flop, dall'inutile assunzione di un accertatore di sosta all'penosa situazione in cui ha ridotto Piazza Cavour. Eludono il confronto sulle proposte che abbiamo fatto, come l'eliminazione dei parcheggi della stessa Riviera dalla parte del Canalbianco, il creare una ciclabile nello stesso tratto della Riviera, rendere ciclabile Via Ruzzina e Via de Roncini, il trasformare in zona disco orario gli attuali parcheggi a pagamento in Piazza Garibaldi, in Piazza Bocchi, in Corso Mazzini , quelli di fronte a Bancadria. Una cosa si è compresa in maniera chiara, a loro non interessa coinvolgere, decidere assieme con i cittadini, interessa dimostrare di comandano loro. L'inganno civico è sempre più evidente a molti , il problema è che stanno danneggiando Adria e dopo di loro sarà sempre più arduo far risalire la china alla Città".

Spinello, quindi, rincara la dose: "Barbierato ha scelto la via più comoda e quella che gli è più congeniale, contribuire a portare la discussione del consiglio comunale su toni esasperati evitando in questo modo di rispondere delle sue scelte e di confrontarsi sulle proposte diverse che sono emerse". "La decisione di prolungare il senso unico di Riviera Matteotti è stata presa senza il sostegno di dati oggettivi - aggiunge - ha fatto un'ammissione tremenda; in quel tratto, ha detto il Sindaco, c'era addirittura il divieto di fermata ma nessuno lo rispettava. E' grave ammettere che in Città ci sono zone franche dove le regole non si riesce a farle rispettare, dove 'i Vigili se intervengono vengono offesi'. La soluzione di Barbierato è stata questa : senso unico e parcheggi a pagamento, tranne qualche stallo e parcheggio rosa. Una decisione cervellotica , spinta non si sa da chi, che non tiene in minimo conto dei contraccolpi economici alle attività in loco e che mette in crisi tutta la viabilità dell'asse est-ovest del centro storico".

"L'atteggiamento con cui ho affrontato l'argomento in consiglio era di aver un confronto sulla questione della viabilità e quindi della usufruibiltà dell'intero centro storico. Nei fatti, però, dai Civici sono arrivate solo chiusure preconcette - prosegue Spinello - qualunque scelta in questa situazione da 'economia da guerra' va attentamente valutata e assunta con il coinvolgimento ed il conforto del maggior numero dei soggetti interessati. Una questione quella della circolazione in centro storico che non riguarda solo le attività e gli abitanti delle zone interessate ma tutti i cittadini e anche i non residenti che frequentano la nostra Città. Il centro storico dovrebbe essere reso sempre più attrattivo e usufruibile specialmente in questo momento di grave depauperamento economico. Non a caso abbiamo criticato la contestualità del senso unico e la contemporanea istituzione dei parcheggi a pagamento su entrambi i lati di Riviera Matteotti. Ho proposto che siano tolti i parcheggi dalla parte della ringhiera magari rendendo quel versante, in via sperimentale, riservato alla circolazione delle biciclette".

"In questo modo verrebbe valorizzato anche l'aspetto paesaggistico ambientale dell'intera zona - spiega Spinello - come minoranza abbiamo ripresentato la richiesta già fatta due anni fa di eliminare la sosta a pagamento sostituendola con sosta a tempo fino a 60 minuti nelle seguenti zone: parcheggi a spina di pesce in Piazza Garibaldi, in Piazza Bocchi e in Corso Mazzini (quelli posti di fronte a Bancadria). Abbiamo, chiesto, inoltre, di riservare due parcheggi a sosta di 45 minuti in Riviera Roma, tre in Riviera Matteotti entrambi vicino al Ponte di Castello e tre vicino al Ponte di Sant'Andrea. Non possono essere invocati, come è stato fatto dalla Giunta per due anni , problemi di bilancio in quanto l'enorme numero di nuovi autovelox istallati hanno fatto entrare nelle casse comunali cifre enormi, da capogiro, che sono già state certificate con delibere del consiglio comunale".

"Drammaticamente tragicomiche sono state finora le scelte della giunta civica in termini di viabilità in centro storico - sottolinea Spinello - Piazza Cavour, soluzione che ha scontentato tutti, la nostra piazza salotto della Città è continuamente deturpata dal parcheggio selvaggio delle auto; assunzione a tempo pieno ed indeterminato di un 'accertatore di sosta', collocato 'saggiamente' subito dopo a funzione impiegatizia; trattasi fortunatamente di persona capace e competente che è più utile all'amministrazione in questo nuovo ruolo; nessuna sospensione del pagamento dei parcheggi durante le festività natalizie ma parcheggio gratuito a febbraio e marzo, 'per il periodo dei saldi'; gratuità in orari assurdi che scontenta e mette in difficoltà tutti".

"In consiglio mi pare di aver capito che i Civici vogliono andare dritti per la loro strada - conclude Spinello - sembra che la loro prossima mossa sia pedonalizzare via Ruzzina e Piazza Garibaldi. Ho suggerito che via Ruzzina e via De Ronconi, senza intaccare gli attuali parcheggi, potrebbero diventare ciclabili eliminando in questo modo l'annoso e 'storico' problema delle 'biciclette per il Corso'. Queste sono idee e proposte e non polemiche. Mi pare assolutamente fuori luogo parlare oggi di completa pedonizzazione di Piazza Castello; penso allo stato d'animo di quelle due importanti attività che stanno aprendo in quella stessa piazza oltre e ovviamente a quelle già esistenti. Le scelte di viabilità in questa particolare zona della città sono importantissime e vanno prese non per tentativi ma coinvolgendo tutti e salvaguardando gli interessi della collettività. Non può essere che sia proprio l'amministrazione comunale ad infliggere colpi mortali al proprio centro storico che è la peculiarità più importante di Adria. Ve lo dico senza preconcetti e con il cuore in mano; fermatevi finché siete in tempo, non costringete la nostra Città a subire condanne senza appello".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette