16/10/2021

CAVARZERE

Minoranza esclusa dalla seduta online: la rabbia di Munari

Il capogruppo della Lega: “L’accaduto verrà certamente segnalato a chi di dovere”.

Profughi, il consiglio si infiamma

Pierfrancesco Munari

31/12/2020 - 09:30

CAVARZERE - Quattro consiglieri di minoranza non riescono ad accedere alla seduta virtuale del consiglio comunale; tra questi il consigliere Pierfrancesco Munari, capogruppo della Lega, che sbotta: “Sarebbe bastato che ci indicassero quale fosse il nuovo codice per accedere. Alla fine il consiglio comunale si è svolto senza la nostra presenza, e l’accaduto è sinonimo dell’inefficienza e inopportunità di tutto l’operato di questa amministrazione”.

“In attesa per 45 minuti per il consiglio comunale... Morale della favola, la maggioranza si è fatta il consiglio da sola senza far accedere la minoranza. Nonostante le scuse, non mancherò di segnalare a chi di dovere la questione”: queste le parole del consigliere comunale e capogruppo della Lega Nord di Cavarzere, Pierfrancesco Munari, che insieme ad altri tre consiglieri di minoranza - Roberta Fava, Emanuele Pasquali e Maurizio Braga - non è riuscito ad accedere e a partecipare alla videoconferenza della seduta del consiglio comunale dello scorso martedì 29 dicembre, a causa della mancata ricezione di una email con il link di invito al meeting.

“Ci hanno detto che durante la mattinata di martedì avevano mandato un’ulteriore mail con un altro codice per il meeting, codice che a me, e ai consiglieri Fava, Pasquali e Braga non è mai arrivato, infatti mi è stato confermato che le mail con il nuovo link sono state inviate a indirizzi sbagliati. Nonostante questo, durante il consiglio abbiamo contattato il sindaco Henri Tommasi e la presidente del consiglio Sabrina Perazzolo, che stavano cercando di capire quale potesse essere la problematica; sarebbe bastato che ci indicassero quale fosse il nuovo codice meeting e la questione si sarebbe risolta in qualche secondo - ha spiegato Munari -. Sta di fatto che il consiglio comunale è stato fatto e noi quattro non siamo riusciti ad accedere. Non mancherò di segnalare la questione: nonostante credo si sia trattato sicuramente di un errore tecnico e non voluto, è però è sinonimo della inefficienza e inopportunità di tutto l’operato di questa amministrazione”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette