Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

SAN BELLINO

Un contributo per le famiglie che si convertono al fotovoltaico

Fino a 3mila euro per un progetto green rivolto all'intera comunità

"Fino a 3mila euro di contributo per chi mette il fotovoltaico"

SAN BELLINO - L'amministrazione comunale di San Bellino decide di accelerare la svolta Green coinvolgendo in un progetto l'intera comunità. Da oggi ogni famiglia che desidera far parte di questa conversione ecologica in cui economia ed ecologia non sono disgiunte, può ricorrere ad un importante contributo economico fino a 3mila euro come approvato nel regolamento della seduta del consiglio comunale di giovedì 22 ottobre 2020.

Il sindaco D’Achille afferma: "Abbiamo discusso a lungo con i consiglieri comunali e abbiamo delineato in questo progetto la volontà di rendere strutturale un'azione in favore dell'ambiente e delle famiglie e riconosciamo il contributo come una vera e propria opera pubblica".

"Chi mette a casa un piccolo impianto fotovoltaico fa del bene alla comunità perché riduce le emissioni di CO2 di circa 1.300 kg all'anno, che invece verrebbe prodotta dall'uso di combustibili fossili. Ma c'è dell'altro...il consumo di energia elettrica per una famiglia, composta da 3/4 persone e con potenza del contatore di 3 kW, è di solito 2.500/3.000 kWh all'anno con una spesa annuale tra i 625/750 euro. Alle nostra latitudine, un impianto fotovoltaico domestico standard da 3 kW di potenza necessita di una superficie da 25/30 mq di pannelli installati su tetto rivolto verso sud, produce circa 3.000 kWh all’anno e costa circa 6.000/7.000 mila compresa l’IVA (al 10% se acquistato direttamente dalla ditta installatrice). Il problema dello smaltimento a fine vita dei pannelli (che producono per almeno 20 anni) non sussiste, perchè i produttori sono iscritti ad appositi consorzi che offrono lo smaltimento gratuito. L’installazione di questo tipo di impianto fotovoltaico non necessita di titolo abilitativo comunale, essendo un’attività di edilizia libera (vige l’obbligo solo per le zone A - centro storico-), inoltre non necessita di accatastamento (obbligo  per gli impianti fotovoltaici con le seguenti caratteristiche: aventi potenza maggiore di 3 kW e che contemporaneamente generano un incremento superiore al 15% del valore catastale dell’immobile; oppure aventi potenza superiore di tre volte il numero delle unità immobiliari servite dal sistema)".

"Il ricorso al “Bonus Fotovoltaico 2020” consente la possibilità di ottenere il rimborso del 50% della spesa sostenuta, tramite detrazioni irpef nell’arco dei 10 anni successivi, comunicando all’Enea il costo e le caratteristiche dell’impianto. Il Consiglio Comunale di San Bellino, ha così approvato all'unanimità l'apposito regolamento, dove si incentivano ulteriormente questi interventi virtuosi per l’ambiente, rimborsando il 50% della spesa sostenuta per la loro realizzazione, sino all’importo massimo del contributo di 3.000 euro. Qualora si decidesse d’installare un impianto fotovoltaico, a fronte per esempio di una spesa di 7.000 €, il rimborso totale ammonterebbe a 6.500 € (3.500 € ottenuti in 10 rate annuali da 350 € l’una dal “Bonus Fotovoltaico 2020” + 3.000 € dall’incentivo comunale); il risparmio sulle bollette dell’energia elettrica permetterebbe così di ammortizzare l’istallazione e lascerebbe soldi in tasca ai cittadini. Il regolamento per ottenere il contributo è pubblicato sul sito del Comune di San Bellino. Ora gli installatori di impianti fotovoltaici possono liberamente accordarsi con le famiglie per dare inizio a questa concreta opportunità".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy