04/07/2020

ADRIA

"Determinazione, senso civico e solidarietà: le parole chiave per la ripartenza delle scuole"

Il commento del coordinatore del Movimento Civico Impegno per il Bene Comune Leonardo Bonato

"Determinazione, senso civico e solidarietà: le parole chiave per la ripartenza delle scuole"

ADRIA - "Con gli esami di fine giugno si è concluso un anno scolastico molto particolare e anomalo. Come movimento IBC ci sentiamo di ringraziare tutti coloro che, con alto senso civico, hanno consentito  di portare a termine un percorso in condizioni difficili e tra mille incertezze". Sono le parole del coordinatore del Movimento Civico Impegno per il Bene Comune Leonardo Bonato.

"È innanzitutto da elogiare il senso del dovere dei docenti che hanno accompagnato i ragazzi attraverso le difficoltà di una didattica a distanza da costruire su misura di ogni scuola, di ogni classe, di ogni studente, perché nessuno rimanesse escluso o rimanesse indietro. Ad Adria, secondo polo scolastico provinciale, sono presenti scuole di ogni ordine e grado, e tutte sono riuscite ad organizzarsi per offrire un servizio pubblico adeguato alle necessità dei più piccoli e dei più grandi, tra i giovani utenti".

"Per questo sentiamo il dovere di ringraziare i dirigenti e tutto il personale che ha contribuito a far  funzionare la macchina organizzativa scolastica. Ringraziamo anche l'amministrazione comunale, che si è messa a disposizione anche attraverso  il gruppo comunale di protezione civile, i cui volontari  hanno distribuito meritoriamente i dispositivi elettronici alle famiglie che ne hanno fatto richiesta. Quest'anno, però, più di ogni altro anno, vanno ringraziate le famiglie - continua Bonato - perché anche i genitori hanno affrontato questa esperienza con consapevolezza e pazienza,  trasmettendo tranquillità e serenità ai propri figli. Sono però gli "adulti di domani" che ci hanno riservato le più belle sorprese perché  hanno dimostrato di avere maggior maturità di quella che comunemente viene loro attribuita e immaginiamo quanto possa essere stato difficile per un bambino, per un adolescente, essere isolato dal proprio gruppo di amici e non poter condividere in presenza la stressa esperienza educativa".

"É stato, quindi - conclude il coordinatore - un anno scolastico in cui tutti hanno dato prova di grande responsabilità e  l'esperienza vissuta probabilmente conterà in futuro più dei contenuti comunque trasmessi. Adesso, arricchiti da questa esperienza, guardiamo al futuro, perché la scommessa, anche per la scuola, è quella di partire col piede giusto a settembre, con determinazione, senso civico, solidarietà".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette