10/07/2020

PORTO TOLLE

Insulti e strisce di sale grosso per il malocchio: condannata a 4 mesi

La 53enne per anni aveva preso di mira due anziani fino ai limiti dell’assurdo

Sale grosso e insulti 4 mesi alla vicina molesta

Era arrivata persino a lasciare strisce di sale grosso per il malocchio nel cortile di casa. È stata condannata a 4 mesi la 53enne di origini albanesi che a Porto Tolle aveva preso di mira per anni, due anziani fino ai limiti dell’assurdo. La donna, infatti, M. D. le sue iniziali, si era spinta, tra il 2015 e il 2016 a lasciare sale grosso dentro il giardino, in segno di malocchio.

Ieri la sentenza di un processo che va avanti dal 2017, quando la donna venne rinviata a giudizio.

Per intimidire la coppia, la signora non ricorreva soltanto alle offese, ma anche al malocchio, cospargendo di sale sia il passo carraio, sia il perimetro di casa. In un’occasione, i suoi tentativi di praticare la magia nera avevano raggiunto anche la figlia, che, uscendo dal posto di lavoro, aveva trovato una striscia di sale davanti alla porta. Un piano perverso per vendicarsi di un confine che, secondo la 53enne, avrebbe dovuto essere spostato di qualche metro. In più di qualche occasione la donna sarebbe stata vista aggirarsi attorno alla recinzione della casa presa di mira con un metro in mano per misurare le distanze tanto contestate, che prima del 2015 non erano mai state oggetto di contesa. La donna aveva smesso solo quando erano state installate le telecamere di sorveglianza all’interno della proprietà. Di fronte alle sentinelle elettroniche l’imputata avrebbe abbandonato il vizio di spargere il sale, temendo di essere immortalata.

Le minacce, gli insulti e la diffamazione, invece, non sarebbero cessati neppure dopo la denuncia, sporta ai carabinieri, per atti persecutori. Ieri la donna, difesa dall’avvocato Sofia Tiengo è stata condannata, ma il reato di atti persecutori, minacce e insulti è stato derubricato in molestie e disturbo. Le persone offese, seguite dall’avvocato Anna Osti, sono state risarcite per i danni morali a 1.500 euro ciascuna. L’imputata è stata condannata anche alle spese legali.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette