27/05/2020

OCCHIOBELLO

Fiamme nella cava di Santa Maria Maddalena

Due escavatori di grosse dimensioni in fiamme, si teme il dolo

OCCHIOBELLO - Un rogo pauroso, nella notte tra giovedì e oggi, intorno alle 2, ha messo in allarme le forze dell’ordine e i vigili del fuoco di Rovigo, che stanno indagando sull’origine dell’incendio che da una prima ricostruzione appare doloso. A fuoco, nella cava di Santa Maria Maddalena, appartenente a una ditta di Ferrara, dei fratelli Sortini, due escavatori di grosse dimensioni.

I due mezzi completamente distrutti, insieme alla parete di un container che si trovava a fianco di uno dei due escavatori, si trovavano uno distante dall’altro. Inoltre non si è vista traccia, da una prima ricostruzione, di corto circuito o autocombustione.
L’allarme è scattato alle 2 con una chiamata al comando provinciale dei vigili del fuoco. Incendio in via Baccanazza, nel deposito "cava" della ditta che si occupa di movimentazione materiali inerti, intorno alla salita che va verso l’argine del fiume Po.

L’impresa edile, che ha sede a Ferrara e opera dal 1975, conserva nell’area cumuli di sabbia e un magazzino praticamente aperto. Qui i mezzi di movimento terra caricano e scaricano la sabbia necessaria per i cantieri edili. Un escavatore prendeva fuoco al centro dello spiazzo, un altro all’interno della tettoia. Le fiamme hanno piegato inoltre la parete di un container. Dal 1980 la ditta Sortini esegue lavori edili stradali, scavi e demolizioni, e lavori di fognatura. Ad oggi conta 35 addetti specializzati, con camion specifici. Al caso sospetto stanno lavorando i vigili del fuoco e i carabinieri, che indagano sui contorni affatto chiari del rogo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette