26/05/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

Per le famiglie in difficoltà erogati 57mila euro di buoni

A fare il bilancio è l'assessore di Taglio di Po, Silvia Boscaro

57mila euro di buoni per le famiglie in difficoltà

TAGLIO DI PO - Sono ­­­­­­­­­­­­­5776 i buoni spesa erogati dal Comune di Taglio di Po durante questo periodo di emergenza, per un totale complessivo di 57 mila euro. Il Comune di Taglio di Po si è attrezzato subito per far fronte alle richieste dei cittadini destinando, in poche settimane, l’intero ammontare del fondo destinato al Comune dal Governo per sostenere le famiglie nell’emergenza Covid-19: “Beneficiari dei buoni – spiega Silvia Boscaro assessore ai servizi sociali - sono stati cittadini che hanno pagato sulla propria pelle l’emergenza Coronavirus, che si sono trovati in grave stato di necessità, che hanno perso il lavoro o sono stati costretti a sospendere la propria attività. Sin dai primi giorni le nostre linee telefoniche sono state intasate da centinaia di chiamate a riprova della diffusa condizione di emergenza economica. Hanno potuto fare domanda tutti coloro che risiedono o sono domiciliati a Taglio di Po, con priorità per chi non percepisce altre forme di sostegno pubblico al reddito. Ai cittadini che hanno avuto diritto al sussidio, è stato consegnato il buono. in tagli da 10 euro ciascuno, da spendere negli esercizi commerciali a Taglio di Po".

"In questo quadro, il valore medio del buono spesa è stato di circa 260,00. Il­­­­ 65% delle richieste sono pervenute da famiglie non conosciute ai servizi sociali. Il 45% dei richiedenti è costituito da famiglie con figli minorenni. Nella fascia degli anziani che hanno richiesto il buono spesa, il 5% vivono soli. Per integrare il fondo dei buoni spesa, abbiamo avviato, in collaborazione con la Parrocchia S. Francesco di Taglio di Po, l’associazione Foglie Vive e la Protezione Civile, un progetto di sostegno alle famiglie in difficoltà attraverso l’attivazione di un conto corrente dedicato per le donazioni così da poter far fronte alle situazioni di emergenza ancora in essere. Ad oggi l’importo raccolto è di circa 4 mila euro, raccolti grazie a donazioni di privati, associazioni e aziende del territorio. In questa fase è stata inoltre prevista l’assegnazione di pacchi alimentari da parte della Caritas anche a nuclei familiari segnalati dai servizi sociali”. “Questo importante lavoro è stato reso possibile – sottolinea l’assessore Boscaro – grazie all’incessante impegno e alla professionalità dell’ufficio Servizi Sociali e grazie alla disponibilità e al lavoro delle associazioni di volontariato locali e ai singoli volontari e cittadini. Un ringraziamento sentito quindi alla Caritas di Taglio di Po, all’associazione Foglie Vive, all’Auser di Taglio di Po, al Gruppo Intercomunale della Protezione Civile e a tutti i volontari che in questi difficili mesi hanno proseguito a prestare la propria opera in aiuto alle fasce più fragili della popolazione”.

“Le indicazioni – conclude l’assessore Boscaro - fornite dalle nostre linee guida per presentare la domanda per i buoni spesa sono state rispettate. Si doveva garantire che gli aiuti arrivassero a chi effettivamente aveva bisogno di sostegno e che le risorse pubbliche fossero utilizzate al meglio, e questo è stato fatto. Ora attendiamo di poter integrare con eventuali altre risorse che il Governo vorrà mettere a disposizione.”

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette