25/09/2020

PORTO TOLLE

"Premier ci aiuti a far riaprire le attività in difficoltà e i servizi per i più piccoli"

La lettera che il primo cittadino Roberto Pizzoli ha scritto al premier, Giuseppe Conte

Pizzoli: “Questa revoca non deve passare”

Roberto Pizzoli

PORTO TOLLE - Il sindaco di Porto Tolle, Roberto Pizzoli, ha scritto una lettera al Premier Giuseppe Conti per chiedere un aiuto concreto alle attività sospese a causa del coronavirus nel suo territorio. Eccola di seguito.

Illustrissimo Presidente,

mi rivolgo a Lei, come sicuramente avranno già fatto moltissimi concittadini da tutto il nostro amato Paese, per portare alla sua attenzione alcune istanze pervenutemi in questi difficili mesi, consapevole del Suo impegno profuso nel gestire un’Emergenza Sanitaria senza precedenti.

Io ho l'onore di essere uno dei circa ottomila Sindaci Italiani.

Io ho l'onore di rappresentare un paese che hanno saputo trasformare un territorio, spesso vittima di avversità, dalle alluvioni del dopoguerra per finire con gli eventi calamitosi abbattutisi su di esso negli ultimi due anni.

Porto Tolle è un luogo meraviglioso sia dal punto di vista ambientale sia per le eccellenze del settore primario, commerciale e turistico, che oggi si trovano in serio pericolo.

Presidente, con questa missiva Le chiedo che la ripartenza sia possibile per tutte le attività che possono esercitare la loro professione con regole chiare ed univoche, senza costituire un rischio per la salute, con la responsabilità individuale spesso invocata.

Le chiedo un sostegno finanziario diretto alle imprese locali, alle Partite Iva e dipendenti privati, che subiscono le gravi conseguenze, rispettivamente, dell’azzeramento del fatturato e della disoccupazione; richiedo misure di supporto per il pagamento di affitti, canoni di locazione, utenze, rate dei mutui e per mantenimento delle attività già duramente messe alla prova, al fine di evitare il collasso della nostra rete socio economica.

Le chiedo di poter intervenire sui bilanci comunali, già in sofferenza, per garantire i servizi essenziali e lo sviluppo territoriale, possibilmente liberando parte dei fondi accantonati e vincolati nelle casse dei nostri Enti.

Le chiedo infine di stabilire regole chiare e protocolli da seguire, per permetterci di strutturare delle attività per i nostri bambini e ragazzi, per permettere loro di ritornare ad una vita fatta di apprendimento e di condivisione che il Covid19 sta rubando loro ormai da troppo tempo.

Le chiedo, Presidente, che nessuno rimanga escluso o solo, che tutti possano affrontare questo periodo con la dignità che ha sempre contraddistinto il nostro popolo.

Certo di trovare in Lei accoglimento alle mie richieste, le porgo un caloroso saluto, con l’augurio di continuare a svolgere la Sua attività con la stessa seria dedizione dimostrata finora, per portare l’Italia e tutti gli italiani verso il futuro che meritiamo.

Il Sindaco di Porto Tolle
Roberto Pizzoli

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette