23/09/2020

CSA ADRIA

"Tutti premiano gli angeli qui, invece, vengono penalizzati"

Il nuovo provvedimento del direttore del Csa, Mauro Badiale, ha lasciato sindacati e lavoratori senza parole

Allarme cancelli bloccati. E se succede un incendio?

ADRIA - "Gli angeli del Csa di Adria, evidentemente, sono caduti da cielo, puniti per qualche motivo dal 'signore' direttore Mauro Badiale". E' l'accusa che arriva dai sindacalisti Davide Benazzo, per Fp Cgil, Francesco Malin per Cisl Fp, Cristiano Pavarin per UIl Fpl, segnalando la situazione dei lavoratori del Csa di Adria, in questo momento difficilissimo e rischioso per chi opera in ospedali e case di riposo, come, appunto, il Csa di Adria. "Il Governo ha stanziato fondi - prosegue - la Regione ha stanziato fondi, tutte le strutture stanno discutendo come premiare i lavoratori, gli angeli, per quello che stanno facendo"

"Tutti - prosegue l'analisi dei sindacati - riconoscono il lavoro che queste importanti figure stanno facendo, ma, in una sorta di sadismo che non ha giustificazione, il direttore del Csa va in controtendenza, unico caso in tutta Italia, un episodio vergognoso che grida vendetta. Da anni esiste un accordo decentrato al Csa, nel quale si prevede si utilizzino parte dei soldi destinati alla produttività per premiare chi, in riposo, in ferie, dà la propria disponibilità a sostituire i colleghi assenti per malattia. Pochi euro che non cambiano la vita, ma che avevano la finalità di premiare chi si mette in gioco, chi, sapendo cosa voglia dire avere meno personale in servizio per gli ospiti e per i propri colleghi, rinuncia a stare con la propria famiglia e decide di rientrare in servizio".

"Soldi - precisano i sindacalisti - che non vengono dal bilancio del Csa, perché parte del salario accessorio già dovuto ai lavoratori. Ma questo, ad una persona che del punire i lavoratori ha fatto il suo modus operandi, non interessa. Non interessa nemmeno quello che il mondo intero sta facendo o pensa di fare per questi lavoratori: così, il direttore Badiale, ha deciso di eliminare questa indennità. Vergogna. La normale risposta sarebbe quella di togliere questa disponibilità da parte dei lavoratori, ma i dipendenti del Csa sono ben diversi da questo direttore, amano il loro lavoro e non vogliono creare problemi agli ospiti, soprattutto in questo delicato momento. I lavoratori, di fronte a comportamenti del genere, continuano a volere essere umani, ma chiedono a gran voce che questo direttore se ne vada da Adria".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette