21/09/2020

CORONAVIRUS E SCUOLA

"La scuola della frazione si dimostra eccellenza, riflettete"

Lo spiega il comitato in difesa della scuola di Baricetta

Scuola di Baricetta, solo bluff

La scuola primaria di Baricetta

ADRIA - "In questi ultimi giorni si sta infittendo il dibattito sulla scuola. Prendono spazio sulla stampa varie ipotesi di come si porterà a termine il presente anno scolastico e già si dibatte su come avviare il prossimo. Premettiamo che la scuola Madre Teresa di Calcutta di Baricetta è stata la prima sul territorio a garantire la didattica a distanza con l’uso di pc e tablet. Grazie alle nostre docenti infatti, fin dai primi giorni di chiusura delle aule scolastiche, i piccoli alunni, affiancati dai loro genitori, sono stati messi in grado di seguire da casa le lezioni senza interruzioni del programma scolastico. Teniamo a sottolineare che in diverse scuole primarie adriesi si è arrivati ad attivare questa rete tecnologica solo in questi giorni! Questo la dice lunga sulle potenzialità della scuola primaria di Baricetta!". Sono le parole del comitato a sostegno della scuola di Baricetta, "La Matita di Teresa".

"Proprio in virtù del fatto che il nostro plesso sta dimostrando sul campo la sua eccellenza, ci sentiamo di invitare le istituzioni a ponderare attentamente il ruolo che potrà avere sul territorio la primaria di Baricetta, in vista della riapertura autunnale.
Aldilà della straordinaria funzione sociale che ha la scuola in una comunità, gli eventi del Coronavirus ci mettono oggettivamente davanti ad altri fattori, che non possono essere sottaciuti, che spingono verso il mantenimento della scuola baricettese. Se l’andamento epidemiologico lo consentirà, in autunno i bambini potranno rientrare in aula, ma dovranno essere garantiti margini di sicurezza totalmente diversi da quelli in vigore tutt’oggi: numeri contenuti di alunni per aula onde garantire distanze di sicurezza, rientro a scuola il sabato, sospensione del tempo pieno, rientri pomeridiani programmati, per non parlare della riorganizzazione dei trasporti".

"Dopo che si è fatto di tutto per imbottire di iscrizioni le primarie adriesi, quali sconvolgimenti didattici, sacrifici per le famiglie e per i bambini stessi, si vorrà far pagare pur di mantenere le attuali presenze nelle scuole adriesi, alcune di esse con classi pollaio? È ancora coerente la politica del togliere gli alunni delle frazioni limitrofe a Baricetta per stiparli nelle classi di Adria che magari non riescono, in taluni plessi, a garantire le norme di prevenzione richieste? La scuola primaria di Baricetta, con le sua prossimità nel territorio alle frazioni di Valliera, Ca’ Emo e Fasana, con le sue strutture e spazi capienti, può garantire da subito l’accoglienza degli alunni, garantendo, non solo la didattica tradizionale senza rischi, ma anche minori costi per le famiglie e per l’amministrazione comunale che deve garantire il trasporto degli alunni! Questo presuppone, per tempo, un tavolo di confronto fra dirigenza scolastica e amministrazione comunale, che dovranno partire da dei dati oggettivi per arrivare ad un obiettivo comune: garantire la didattica e il rientro in aula con la tranquillità degli alunni, pensando esclusivamente al bene dei bambini!".

"Nel dibattito sicuramente dovranno essere coinvolte la famiglie, non solo per renderle partecipi alle inevitabili scelte da fare in vista della ripresa dell’anno scolastico, ma per aiutarle ad adattarsi a nuovi orari e percorsi didattici e soprattutto per iniziare ad accettare strutture scolastiche diverse da quelle scelte, esclusivamente per il bene dei loro figli. Per agevolare questa consapevolezza dei genitori, la dirigenza scolastica dovrà ribadire e rassicurare con rinnovata convinzione che lo svolgimento del programma scolastico sarà garantito ai bambini in qualunque sede scolastica verranno destinanti! Il sindaco sarà chiamato a far sentire forte il richiamo alla valorizzazione di tutte le strutture scolastiche messe a disposizione sul territorio, ma anche a rivedere la gestione dei trasporti, che attualmente viene lasciata in parte alla dirigenza scolastica quando si tratta indirizzare le famiglie delle frazioni verso le scuole adriesi".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette