29/05/2020

ADRIA

Raccolta alimentare e beneficenza pasquale

Quasi 15mila euro intanto sono stati raccolti grazie alla campagna del Comune di Adria

Raccolta alimentare e beneficenza pasquale

ADRIA - Una Pasqua nel segno della solidarietà verso le famiglie più bisognose, quelle che “faticano a mettere un piatto di minestra sulla tavola” come ripete quasi quotidianamente il sindaco Omar Barbierato. La raccolta fondi “Emergenza Coronavirus” promossa dal Comune per aiutare le persone più in difficoltà sta viaggiando verso i 15mila. Visto che è possibile fare le donazioni online, sarebbe bello che proprio nel giorno di Pasqua tanti adriesi rivolgessero un pensiero a queste persone per la quali la Pasqua non è proprio festa: raggiungere e superare questaquota sarebbe un bel segnale di fraternità, un segno della vera Pasqua. I versamenti si effettuano sul conto corrente con codice Iban IT35P0359901800000000139223 di BancAdria – Colli Euganei, importante specificare la causale Covid 19.

Il sindaco ha più volte sollecitato aziende, associazioni e gruppi del territorio a lasciare un segno di solidarietà “perché il momento è difficile per tutti, ma è ancora più difficile per quanti erano nella sofferenza prima dell’avvento della pandemia”. L’iniziativa rientra nella raccolta alimentare “Adria for Adria” promossa dall’amministrazione comunale e organizzata dalla consulta sociale del volontariato in collaborazione con Croce verde, protezione civile e alpini. Dall’altro giorno si sono aggiunti altri due negozi: Acqua&Sapone di via Aldo Moro e Tigotà al centro commerciale il Porto. Infatti va ricordato che, oltre ai beni alimentari, si possono donare prodotti per l’igiene personale e per la pulizia della casa. Questi gli altri punti di raccolta: in città Eurospesa in via Emanuele Filiberto, D-Più in via Aldo Moro, Aldi supermercato di via mons. Pozzato, Lidl in via mons. Pozzato, Prix in corso Garibaldi, Caddy’s casa in via Arzeron e via mons. Pozzato; nelle frazioni a Baricetta negozio Roccato Graziella, a Bottrighe Punto Simply market, a Valliera negozio Donata Duoccio.

Si ricorda che nei punti di raccolta è stato posizionato un carrello comunemente usato per la spesa subito dopo la cassa: chi desidera può liberamente lasciare qualcosa. Non sono presenti i volontari con la pettorina come nelle edizioni passate della “Raccolta alimentare”, tutto questo comprensibilmente per motivi di sicurezza in tempi di Coronavirus.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette