26/09/2020

ALTOPOLESINE

Distretto delle giostre, i sindaci chiedono aiuti allo Stato

Intervento dei sindaci Marchesini e Chiccoli a sostegno delle imprese di Melara e Bergantino

Distretto delle giostre, i sindaci chiedono aiuti allo Stato

Grande preoccupazione anche da parte dei sindaci di Melara e Bergantino rispetto alla chiusura di tutte le imprese di un settore vitale per tutta l’area altopolesana. “Già con la chiusura dei bar, dei parrucchieri e delle estetiste la sensazione era di dover affrontare un periodo molto complicato - le parole di Anna Marchesini, primo cittadino di Melara - il lockdown di tutte le imprese ha aggravato la situazione. Peraltro le aziende continuano ad avere costi fissi, compresi i dipendenti, senza il sostegno delle banche sarà difficile. Se il 3 aprile riaprissero, si tratterebbe di tener duro pochi giorni, ma visto il comportamento di una parte di cittadini, che con i loro comportamenti non sono in grado di anteporre il bene pubblico a quello privato, è un problema”. “Peraltro ci sono già ripercussioni economiche su alcune famiglie che vengono a chiedere sostegno in comune - conclude - per questo per noi è difficile anche aiutare le aziende. L’unica strada è quella che hanno intrapreso imprenditori e Cna: chiedere l’aiuto al governo”.

Da parte sua Lara Chiccoli, sindaco di Bergantino, ribadisce come la prima sua preoccupazione, vista le circostanze, sia la salute dei cittadini. “Questo siamo chiamati a fare - spiega - ma siamo consapevoli che tutte le attività di Bergantino e del distretto della giostra, che non avremmo mai immaginato potessero essere colpite in modo così duro, è giusto che intervengano in questo modo, perché solo loro hanno il polso della situazione economica. Dal canto mio ho già parlato con l’assessore regionale Cristiano Corazzari facendo presente che c’è la nostra realtà da tenere in considerazione. E’ evidente che saranno imprenditori e Cna a fornire le specifiche da dare alla Regione. Intanto in Comune è arrivata una richiesta di aiuto da parte degli operatori degli spettacoli viaggianti: con l’annullamento di fiere e sagre fino a fine maggio, la loro situazione è altrettanto drammatica”. “Ma sono convinto della loro capacità e di quella dei nostri imprenditori della giostra, è evidente però che non basterà: servono aiuti anche da parte dello Stato” conclude.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette