08/04/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

Il virus blocca il “Distretto Della Giostra”

Le richieste degli imprenditori per poter ricominciare

Il virus blocca il “Distretto Della Giostra”

BERGANTINO - "Il DPCM, 22 marzo 2020 ha previsto la sospensione di tantissime attività tra le quali quelle svolte dalle imprese che producono attrazioni, giostre ed il loro indotto. Stiamo parlando, complessivamente di circa 300 imprese coinvolte con oltre 1.500 addetti e con un volume d’affari complessivo di oltre 150 milioni di €" scrive in una nota il CNA.

"Le imprese hanno sospeso già le loro attività e a far data dal 25 marzo non potranno più consegnare le attrazioni finite, non potranno continuare a costruire le giostre in cantiere, e nelle loro aziende, non potranno allestire, montare quelle pronte per l’eventuale avvio nei Luna Park. Luna Park anche loro fermi,tutti fermi, in tutto il mondo. L’economia di questo sistema, di questa filiera è bloccata. E se il 2020 era iniziato con buoni auspici, nuovi ed interessanti ordini provenienti da tutto il mondo, grazie alla costante, qualificata attività di promozione e marketing del Distretto ma soprattutto alla Qualità del Prodotto, ora è l’esatto contrario".

"Cosa è successo con il blocco causato dall’emergenza COVID-19.
Si sono bloccati gli ordini ed i contratti con la conseguenza che i manufatti ed i prodotti sono rimasti in azienda e non sono stati e non potranno essere consegnati nel breve. Ma non solo, le imprese a causa di questo non prevedibile stop, sono preoccupate dei ritardi delle consegne delle forniture contrattualizzate con consegne che saranno spostate di almeno 3 mesi, se tutto va bene.
Tutto ciò provocherà anche un conseguente ritardo dei pagamenti delle commesse da parte dei clienti, che, non per causa delle nostre aziende, non potranno ricevere le giostre e le attrazioni richieste nei tempi stabiliti, ed utilizzabili per le aperture stagionali dei Parchi di Divertimento.  Parchi di Divertimento fissi ed Itineranti che non potranno essere aperti causa COVID-19. Tutta la filiera si ferma. E’ un disatro. Ovviamente si comprende chiaramente che si bloccano tutti i flussi finanziari in dare ed avere.
E quindi come si potranno rispettare le scadenze e sostenere i costi relativi alle produzioni avviate, all’acquisto delle materie prime, all’attività lavorativa dei collaboratori , dipendenti, tecnici, consulenti, ingegneri, maestranze tutte. Le imprese stanno soffrendo una pesante crisi di liquidità. A seguito di una nostra indagine nel settore emerge che per le prossime scadenze dei pagamenti al 31 /03; al 30/04; al 31/05 è previsto un fabbisogno di liquidità complessivo di circa 5 milioni di €.
Si richiede quindi a sostegno del Distretto e del suo indotto un plafond Ad Hoc messo a disposizione dalle banche e/o un pool di Banche a costo zero, grazie anche l’intervento delle Istituzioni Regionali, Nazionali che possa garantire la liquidità alle imprese per almeno i prossimi 18 -24mesi. Stiamo anche monitorando e verificando gli strumenti attivati , come gli Ammortizzatori Sociali (FSBA e Cassa Integrazione in Deroga)".

"Strumenti che chiediamo siano rapidi nell’erogazione dei sostegni.
I lavoratori delle imprese coinvolte non possono attendere 4-6 mesi per ottenere i contributi. Ci risulta che l’FSBA, strumento del sistema Bilaterale sia già operativo ma per la Cassa Integrazione in deroga ad oggi, 25 marzo 2020, mancano ancora le linee guida della Regione per competenza. Un altro tema che deve essere affrontato è il livello qualitativo e quantitativo di Internazionalizzazione del Distretto. Il Distretto della Giostra lavora al 98% per l’estero. Abbiamo visto che il mondo si sta fermando e questo ha provocato un altro problema. I nostri imprenditori, dopo aver già pagato i costi di partecipazione alle fiere internazionali non hanno la possibilità di partecipare e spesso non vengono restituite le somme anticipate. Chiediamo che possano essere recuperati i costi sostenuti per le fiere annullate. Inoltre sempre più importante sarà garantire alle imprese una azione di sostegno per la presenza ai prossimi appuntamenti fieristici internazionali, per i prossimi 24 mesi, già a partire con la fiera IAAPA EXPO EUROPE 2020-LONDON se sarà confermata".

"Il Distretto è unito nel richiedere sostegni ed aiuti, rappresenta una Comunità molto importante del nostro territorio, è sostenuto dalle imprese, dai collaboratori, dai sindaci, dalle associazioni di categoria. Tutti in questo momento stiamo parlando con un’unica voce".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette