13/07/2020

CASTELNOVO BARIANO

Via Cavo Bentivoglio pronta a tornare in sicurezza

Verrà sistemata anche la sponda del canale

San Pietro non resterà isolata

CASTELNOVO BARIANO - Aggiornato il progetto definitivo ed esecutivo per il rifacimento della pavimentazione stradale in conglomerato bituminoso, in un tratto di via Cavo Bentivoglio. Con una delibera, infatti, la giunta comunale di Castelnovo Bariano, guidata dal sindaco Massimo Biancardi, ha approvato il progetto definitivo e esecutivo redatto dall’ufficio tecnico comunale, con le modifiche apportate, per il “rifacimento della pavimentazione stradale in conglomerato bituminoso, particolarmente ammalorata e sconnessa, in via Cavo Bentivoglio, nel tratto compreso tra la via Aquila (strada provinciale numero 9) e la via Arella, quale intervento urgente e indifferibile a favore della mobilità e della sicurezza stradale”.

La strada comunale via Cavo Bentivoglio in quel tratto risulta, a quanto spiega l’amministrazione comunale, infatti essere “particolarmente sconnessa e intransitabile per la presenza di estese buche e avvallamenti e necessita di urgenti interventi a favore della sicurezza stradale, tesi alla soluzione di una situazione di riconosciuta criticità con ammodernamento e messa in sicurezza delle strutture viarie esistenti”.

Sulla strada vige ancora un’ordinanza del dicembre 2012 con la quale è stato istituito il limite massimo di velocità a 30 chilometri orari, con l’intendimento di limitare la velocità e il numero dei sinistri stradali e una ulteriore ordinanza del 2017 con la quale, a causa del peggioramento della transitabilità, la strada era stata chiusa, esclusi i frontisti e i mezzi di soccorso, a conferma della intransitabilità e pericolosità del tratto di strada oggetto dell’intervento.

Occorre anche considerare il fatto che Via Cavo Bentivoglio rappresenta l’unico collegamento della località di San Pietro Polesine con la via Arella e il Comune di Bergantino e, considerando anche il fatto che in direzione Ceneselli è chiusa per intransitabilità, se non vengono eseguiti i presenti lavori di rifacimento della sede stradale, San Pietro Polesine rischia di rimanere isolata.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Adige Po, al quale è stato concesso un finanziamento straordinario dalla Regione Veneto di 100mila euro finalizzato alla “ripresa della sponda fluviale particolarmente danneggiata e sconnessa per la presenza di estese frane e cedimenti”.

Ovviamente le opere idrauliche di rinforzo della sponda fluviale del Cavo Bentivoglio dovranno essere eseguite prima del rifacimento del manto stradale, in quanto senza contenimento delle banchine stradali non è possibile sostenere la carreggiata come da progetto.

La spesa complessiva per le opere è di 200mila euro, che saranno finanziati tramite contributi Regionali o, in alternativa, mediante contrazione di un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette