25/09/2020

BADIA POLESINE

Casa del sorriso, aumentano le rette

Lo ha annunciato Zerbinati, presidente del cda, spiegando che si taglieranno i compensi

Casa del sorriso, aumentano le rette

BADIA POLESINE - Nuovi aumenti delle rette alla Casa del Sorriso. Dal prossimo primo aprile, le rette degli ospiti ricoverati alla struttura di via San Nicolò saranno aumentate di 2,50 euro giornalieri, ma nuovi aumenti sono già previsti per il prossimo mese di ottobre. Ad annunciarlo è una delibera approvata nei giorni scorsi dal cda guidato da Tommaso Zerbinati. “Nel bilancio di previsione 2020 - si legge nell’atto - sono confermati tutti i servizi erogati nel 2019. Al fine di limitare l’incidenza dei costi, si propone un adeguamento delle quote alberghiere per tutte le categorie di ospiti, ad esclusione degli autonomi e del libero mercato entrato dopo lo scorso 18 ottobre, di 2,50 euro pro die pro capite, con decorrenza dall’1 aprile 2020. Si propone inoltre un adeguamento delle quote alberghiere del libero mercato entrato precedentemente al 18 ottobre scorso di ulteriori 2,50 euro a partire dall’1 ottobre 2020”.

Nel documento, si precisa inoltre che lo scorso 25 febbraio il Comitato dei familiari degli ospiti è stato avvisato della nuova variazione alle rette che comprendono, come previsto dal contratto di ospitalità, vitto, alloggio, assistenza di base e sanitaria. Sono compresi anche diversi servizi a richiesta individuale: servizio di parrucchiera, servizio di cura del piede, cinture di contenzione, ausili quali carrozzine, deambulatori e girelli forniti a mezzo convenzione con la locale azienda sanitaria, terapia d’urgenza di ossigeno, ausili per incontinenza, addensante e tutone.

In più, per coloro che si trovano a libero mercato ed entrati dopo il 17 ottobre scorso, la retta è comprensiva anche del servizio di trasporto con mezzi delle associazioni volontarie per visite mediche o altro. Nella delibera, si informa infine che in caso di dimissioni volontarie dalla struttura bisognerà farle pervenire all’ente in forma scritta e sottoscritte dal garante, con indicazione della data di effettiva uscita.I cinque giorni di preavviso, previsti dal contratto di ospitalità, decorreranno dalla data di acquisizione delle dimissioni al protocollo dell’ente.

Il cda, riunitosi in assenza del consigliere Anna Scanavacca, ha approvato la novità con tre voti favorevoli ed un astenuto. “Certamente - fa sapere il presidente Zerbinati - si tratta di un intervento che darà adito ad ulteriori polemiche non solo da chi rappresenta gli ospiti e i familiari, titolari di un legittimo diritto di critica nei confronti del cda, ma anche da parte di altri gruppi o fazioni esterni all’ente e che spesso strumentalizzano la situazione economica della casa di riposo al fine di ottenere consenso politico ma creando al contempo danni d’immagine alla struttura, talvolta diffondendo notizie prive di fondamento. L’attuale amministrazione dell’ente, allo scopo di dare un suo contributo fattivo al risanamento, ha deciso che, dal primo marzo e fino a fine anno, taglierà totalmente le proprie indennità di carica”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette