19/09/2020

TRECENTA

Protezione civile, a lezione dall'assessore Bottacin

L'assessore regionale alla Protezione civile ha tenuto la lezione all'Università Popolare coi capisquadra del gruppo

Protezione civile, a lezione dall'assessore Bottacin

TRECENTA - L'assessore regionale alla Protezione civile, Gianpaolo Bottacin è stato tra i relatori della lezione allUniversità popolare di Trecenta. L’assessore ha spiegato alcune peculiarità del sistema, e per far capire alle persone presenti l’entità che possono raggiungere le emergenze ha fatto vedere un video riguardante i giorni di emergenza durante la tempesta Vaia, che nel 2018 ha colpito il Veneto.

La Protezione civile - spiega l’assessore - è un sistema multilivello, ovvero dal singolo cittadino alle autorità locali, provinciali, regionali, fino al livello nazionale. Ci si occupa di previsione, prevenzione, soccorso e superamento dell’emergenza. Negli ultimi anni, ad esempio, la Regione Veneto ha investito molto nel consolidamento degli argini dei fiumi, in modo da prevenire le esondazioni. Un altro esempio di previsione e prevenzione è stato proprio nei giorni precedenti alla tempesta Vaia, quando Arpav aveva previsto l’arrivo della tempesta e, nelle zone a rischio, sono state prese delle precauzioni quali la chiusura delle aziende, delle scuole e delle strade”. L’assessore Bottacin ha spiegato, inoltre, che della Protezione civile fanno parte, oltre alle forze di polizia, i vigili del fuoco, l’esercito, e gli enti come Enel, Anas, Veneto Strade, e altri che giocano un ruolo fondamentale in caso di emergenza.

All’intervento dell’assessore è seguita la presentazione di Nicola Cestaro, uno dei capisquadra del gruppo intercomunale di Protezione civile di Trecenta. Cestaro ha iniziato presentando il gruppo, che accorpa i Comuni di Trecenta e Giacciano con Baruchella. “Il gruppo - ha spiegato - è nato nel 2015 e, ad oggi, conta 25 volontari che continuano a formarsi e a fare addestramento periodico. Il gruppo di Trecenta fa parte del distratto Ro6 che lo scorso anno, su proposta proprio del gruppo trecentano, ha realizzato un’esercitazione di tre giorni nel territorio di Trecenta, Castelmassa, Stienta e Occhiobello”. L’altro caposquadra del gruppo è Mauro Trambaiolli, mentre la coordinatrice è Mariella Sperandio. Cestaro ha spiegato, infine, che “il piano comunale contiene le attività che si predispongono in caso di emergenza. I cittadini dovrebbero conoscere il piano per sapere come agire. Ad esempio, in caso di emergenza, le aree di raccolta sono: davanti al municipio a Trecenta, davanti le ex scuole a Pissatola e davanti l’ostello a Sariano”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette