19/05/2022

ADRIA

Romea commerciale, il Pd vuol discutere della variante

Il Partito Democratico adriese invita il sindaco Barbierato a riaccendere la discussione

Romea commerciale, il Pd vuol discutere della variante

04/02/2020 - 16:21

ADRIA - Il Partito Democratico di Adria chiama all’appello l’attuale maggioranza del sindaco Barbierato per sollecitare al più presto una ripresa del dibattito e di iniziativa sul dossier strategico per la città sulla cosiddetta “Variante di Adria della Romea Commerciale”. L’ultima notizia in tema sulla stampa da parte dell’attuale maggioranza faceva riferimento alla risposta data da una mozione presentata dalla minoranza al consiglio comunale del 30 novembre del 2018 per richiedere di procedere allo studio di fattibilità dell’opera.

"Ora dopo più di anno, chiediamo all’amministrazione a che punto sia la questione, se il sindaco abbia preso o meno contatti con gli altri comuni interessati e con gli enti preposti, Anas in primis - scrive il direttivo del Pd adriese - un progetto fondamentale per il rilancio commerciale, industriale ed anche ambientale della città: un progetto vitale basti pensare ai lavori che intesseranno la Romea nei prossimi anni con chiusure parziali o totali del traffico, con un traffico pesante e automobilistico importante che andrebbe a riversarsi sulla viabilità ordinaria della città gravando il già precario stato materiale del manto stradale e delle infrastrutture locali, senza dimenticare i disagi della cittadinanza legate al traffico e ai residenti nelle vie interessate dal traffico pesante, proprio in questi giorni in cui i livello delle polveri sottili nella provincia ha raggiunto livelli allarmanti. E mentre l’amministrazione si raccomanda su quale sia la temperatura all'interno delle nostre case e uffici, noi come partito siamo propositivi e pensiamo al futuro e alla vivibilità della città, la costruzione di questo importante asse viario oltre a rompere lo storico isolamento di Adria rispetto all'asse nord-sud, toglierebbe importanti concentrazioni di smog dal centro della città".

Secondo il Pd, quindi, si inserirebbe "nella prospettiva di sviluppo futuro della Zls in Alto Polesine e la prossima apertura del grande centro di Amazon sempre in Alto Polesine sposterà presumibilmente importanti quote di quel traffico su Adria". "E' tuttavia evidente come l’incapacità di amministrare della compagine civica diventi lampante su questa questione, dove la nostra città risulta del tutto isolata rispetto agli altri comuni del basso e medio Polesine, della Regione e degli enti competenti" conclude la nota del Pd.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette