29/03/2020

ADRIA

Catozzo, il filo che legava Fellini al Polesine

Anche la città etrusca festeggia il centenario della nascita del grande regista riminese

ADRIA - Numerosissime sono le celebrazioni in tutta Italia e nel mondo da lunedì 20 gennaio 2020 organizzate in occasione del centenario dalla nascita del grande regista Federico Fellini.

Adria e la Polesine Film Commission, non possono mancare nel riconoscere al Maestro il giusto tributo, in quanto la stessa Adria è città natale di Leo Catozzo figlio del celebre compositore e musicista Nino Cattozzo, collaboratore strettissimo del regista riminese oltre che uno dei più importanti montatori del cinema italiano e inventore della celebre “Pressa Catozzo” famosa in tutto il mondo.

L’intenso rapporto di amicizia e di lavoro che i due hanno avuto e iniziato con il film La Strada, passando per capolavori come Le Notti di Cabiria, La Dolce Vita, e Otto e mezzo, sarà narrato in una mostra che verrà allestita nei prossimi mesi,a partire dal prezioso patrimonio del figlio Alberto, come: la moviola originale, fotografie con dediche di Fellini, sceneggiature, documenti rari e inediti come le lettere inviate da Fellini a Catozzo, caricature e disegni realizzati dal grande Maestro, oltre ad altri materiali utilizzati per la pubblicità del film che restituiscono uno spaccato del tempo in cui lavorarono a stretto contatto.

Si tratta della prima manifestazione mai dedicata alla figura di Leo Catozzo ad Adria che ripercorre la sua parabola creativa alla luce del suo rapporto con Fellini. I materiali provengono oltre che dall’Archivio di Alberto Catozzo, anche dall’Archivio L’Immagine in movimento di Adria oltre a delle interviste fatte a Fellini e Catozzo dell’archivio Rai.

L’esposizione con il patrocinio del Comune di Adria, si propone come itinerante e vedrà la figura di Paolo Bordin dell’Ostello Amolara-Hotel Leon Bianco, quale organizzatore.

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette

Clamoroso: scoperta una pizzeria aperta. Arriva la denuncia
CORONAVIRUS IN POLESINE

Pizzeria aperta nonostante i divieti