17/05/2022

Sicurezza

Assalto alla pizzeria, "erano in sei hanno distrutto tutto"

Parla Andrea Carlucci, titolare della pizzeria Da Mimmo protagonista ieri sera di un brutto

14/05/2022 - 13:38

Erano in sei, di circa 20 anni e i 24 anni tutti stranieri, "ma questo è un dettaglio - sottolinea Andrea Carlucci, titolare della pizzeria Da Mimmo - Prima è entrata una ragazza a chiedere se si potevano sedere. Poi hanno ordinato delle pizze. Abbiamo capito benissimo che erano alterati e che avrebbero dato dei problemi, ma abbiamo dato loro da sedere".

Si sono accomodati in un tavolino fuori dal locale e visto che ancora non era stato ripulito dai bicchieri lasciati dai clienti precedenti, hanno preso a buttarli a terra. "Rivogliamo i soldi indietro - hanno detto - e mia sorella ha fatto per dare i soldi indietro. A quel punto hanno aggredito mia sorella. Io mi sono messo in mezzo per difenderla, ci hanno assaltati e abbiamo cercato di difenderci". 

Una scena che in tanti hanno visto perché nel locale c'erano anche altri clienti. Tra questi l'ex assessore ai Lavori Pubblici di Rovigo Nello Piscopo, che ha dato la sua disponibilità a testimoniare. E che si è stupito per l'atteggiamento tenuto dalla polizia di stato, giunta tempestivamente, che non ha reagito, ma ha tentato in tutti i modi di riportare tutto alla calma. "Quale ordine pubblico possono garantire se hanno l'ordine di non reagire, di subire offese, minacce, provocazioni, spintoni senza poter muovere un dito?".

Continua Carlucci: "Hanno distrutto tutto, senza motivo, hanno minacciato tutti noi. C'erano delle anfore che hanno distrutto". Per non parlare della sensazione di sentirsi insicuri nel proprio luogo di lavoro: "Lavoriamo tante ore al giorno e non capisco perché dobbiamo rimetterci la pelle. Eravamo in tre barricati dentro. Bravissimi i poliziotti perché nonostante le offese che si sono presi, sono rimasti impassibili". 

Ora tre di questi sei sono stati identificati e verranno denunciati. "Non possiamo fare altrimenti, sono successe molte cose e sicuramente nessuno ci ridarà le cose che hanno rotto, le anfore pregiate e il fungo che è diverso dal solito. Hanno tirato anche le sedie contro le vetrate". 

Conclude Andrea: "Erano evidentemente alterati, erano molto ubriachi, ma quello che continuo a non capire è la cattiveria".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette