08/03/2021

CORONAVIRUS E SCUOLA

La Planoplast dona 9 pannelli per fare musica in sicurezza

Il regalo dell'azienda alla scuola per permettere di suonare anche gli strumenti a fiato in linea con la normativa anti contagio

ROVGO - Presso la Scuola Secondaria di primo grado “Casalini” è attivo il corso ad indirizzo musicale dove gli studenti si cimentano nell’apprendimento di cinque strumenti musicali: la chitarra, il violino, il violoncello, le percussioni e il flauto traverso. Proprio lo studio del flauto traverso quest’anno, a causa della situazione sanitaria nazionale e delle conseguenti regole sul distanziamento che hanno imposto rigide norme per il rientro a scuola in questo nuovo anno scolastico, ha visto qualche ostacolo ed anche una pausa di arresto quando la Regione Veneto, nell’ottobre scorso, riscontrando un Rt , rapporto di trasmissione, troppo elevato, ha imposto l’obbligo della mascherina anche per distanze interpersonali superiori al metro e lo stop al canto corale e all’impiego degli strumenti a fiato.

La docente di flauto della scuola, prof.ssa Sandra Drago, non si è persa d’animo e, in vista della riapertura delle attività di studio degli strumenti a fiato, che si è avuta circa due settimane dopo lo stop, ha cercato di trovare una soluzione che potesse garantire a lei e ai suoi alunni di continuare in piena sicurezza lo studio dello strumento.

Visto che le norme sulle produzioni artistiche musicali presenti nei vari DPCM emanati dal Governo prevedono che la distanza tra gli orchestrali sia di due metri o che vengano posti dei separatori tra i musicisti che utilizzano strumenti a fiato, la prof.ssa ha cercato aziende che potessero donare alla scuola dei plexyglass per realizzare pannelli di separazione tra gli studenti e poter così continuare le lezioni di musica strumentale.

La ditta Planoplast srl di casale di Scodosia, società del gruppo ADVIPPLAR spa, azienda che distribuisce semilavorati termoplastici e polimeri ingegneristici, ha donato alla scuola ben 9 pannelli trasparenti, di 2mt x 1mt ciascuno, in un materiale chiamato Polycasa san che pur sembrando all’apparenza del semplice policarbonato, presenta maggiori qualità quali resistenza agli agenti chimici, maggior rigidità rispetto al policarbonato e maggior resistenza alla graffiatura.

I 9 pannelli sono stati portati a scuola grazie alla disponibilità di alcuni genitori dei nostri alunni e poi sono stati montati su supporti metallici. In questo modo la scuola dispone, nell’aula magna, di nove separatori che consentono di effettuare musica d’insieme nel pieno rispetto delle norme sanitarie nazionali

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette