15/08/2020

ROVIGO

Maniezzo fuori dal M5s, Businaro nuova capogruppo del Pd

Il Movimento 5 stelle senza rappresentanza in aula e il dem Azzalin passa il testimone

Maniezzo fuori dal M5s, Businaro nuova capogruppo del Pd

ROVIGO - Giorgia Businaro è il nuovo capogruppo consiliare del Pd al consiglio comunale di Rovigo. La comunicazione ufficiale è stata fatta ieri pomeriggio, in apertura dei lavori dell’aula, dalla presidente del consiglio comunale Nadia Romeo. Businaro raccoglie il testimone da Graziano Azzalin che aveva lasciato il ruolo dopo la candidatura alle elezioni regionali che si svolgeranno nel prossimo settembre. Il Movimento 5Stelle, invece resta senza consiglieri, in quanto sempre ieri la Romeo ha comunicato la scelta di Mattia Maniezzo di lasciare il gruppo pentastellato, di cui era unico esponente, per formare il gruppo Italexit, che ha come punto di riferimento l’omonimo movimento creato a livello nazionale dall’ex deputato 5Stelle Gianluigi Paragone.

La scelta del Pd di puntare sulla Businaro come capogruppo è maturata dopo la riunione del partito di mercoledì sera dove la proposta era stata votata all’unanimità. Una proposta avanzata dal consigliere Riccardo Bertacin, che ha come punto di riferimento all’interno del partito l’area Azzalin. Nel gioco interno delle correnti dem, quindi, il ruolo di capogruppo consiliare lascia l’area Azzalin, anche se la proposta è stata avanzata formalmente da quest’ultima, per arrivare alla figura della Businaro, caratterizzata da sempre da una forte ispirazione ambientalista. Una scelta che, all’interno del partito, sarà interpretata anche alla luce degli equilibri interni, sempre in movimento ed in pieno fermento in vista delle elezioni regionali, con 5 dem candidati per un seggio in consiglio regionale, e del successivo cambio della segreteria provinciale.

Da sottolineare, tornando alla composizione del consiglio comunale, che dopo diversi anni il M5S si ritrova senza consiglieri comunali. Maniezzo, evidentemente non si riconosce più nel partito guidato a livello nazionale da Crimi e Di Maio. Ed è curioso notare come nelle ultime amministrazioni comunali rodigine i consiglieri di volta in volta eletti sotto le insegne pentastellate per un motivo o per un altro siano sempre entrati in conflitto con il partito.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette