08/07/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Il potenziamento dei centri estivi organizzati dai Comuni sarà sostenuto dallo Stato"

Diego Crivellari, ex parlamentare polesano del Pd, spiega le cifre Comune per Comune

69108

Diego Crivellari

ROVIGO - "Il potenziamento dei centri estivi organizzati dai Comuni sarà sostenuto dallo Stato. Il Dipartimento della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri sta erogando i 135 milioni previsti dal decreto Rilancio (art. 105) ai Comuni che hanno offerto la disponibilità di organizzare attività per i minori tra i 3 e i 14 anni nei mesi da giugno a settembre 2020", lo spiega l'ex parlamentare polesano del Pd, Diego Crivellari.

"Diversi i comuni coinvolti in provincia di Rovigo. A questi fondi si aggiungerà un successivo riparto destinato al contrasto della povertà educativa e ad aumentare le opportunità culturali e educative dei minori. L’iniziativa del governo risponde a più esigenze: consentire ai genitori di riprendere a lavorare dopo molte settimane di chiusura; alleggerire i costi dei centri estivi sia per chi li organizza, i Comuni, sia per chi ne usufruisce, le famiglie; aumentare il numero di centri disponibili, in considerazione delle precauzioni e dell'impossibilità di frequentazione dello stesso numero di bambini previsto negli anni precedenti. È importante dunque che le famiglie vengano sostenute, perché il contributo di lavoratrici e lavoratori alla ripresa sarà decisivo. Ricordiamo poi che le famiglie possono richiedere il bonus baby sitter o per il centro estivo stabilito dal governo con il Decreto Rilancio e che ogni nucleo familiare può vedersi riconosciuto un contributo fino a 2.000 euro. Le attività potranno essere realizzate al più presto e gli interventi saranno attuati dai singoli Comuni anche in collaborazione con enti pubblici e con enti privati, con particolare riguardo a servizi educativi per l'infanzia e scuole dell'infanzia paritarie, a scuole paritarie di ogni ordine e grado, a enti del terzo settore, a imprese sociali e a enti ecclesiastici e di culto dotati di personalità giuridica. I criteri di ripartizione dei finanziamenti sono basati sulla popolazione di bambini e minori tra i 3 e i 14 anni presente in ciascun Comune".

Ecco le cifre spettanti per la provincia di Rovigo:

Adria: 31.600 euro

Rovigo: 88.232 euro

Badia Polesine: 18.626 euro

Lendinara: 20.619 euro

Porto Tolle: 14.132 euro

Occhiobello: 25.133 euro

Taglio di Po: 13.420 euro

Ariano: 5.897 euro

Rosolina: 11.204 euro

Villadose: 8.418 euro

Porto Viro: 23.018 euro

Arquà: 4.636 euro

Bagnolo Po: 2.480 euro

Bergantino: 4.819 euro

Bosaro: 3.050 euro

Calto: 1.281 euro

Canaro: 4.697 euro

Castelguglielmo: 3.029 euro

Castelmassa: 7.727 euro

Castelnovo B.: 5.409 euro

Ceneselli: 3.090 euro

Ceregnano: 5.693 euro

Corbola: 4.066 euro

Costa: 3.965 euro

Crespino: 2.480 euro

Ficarolo: 2.785 euro

Fiesso U.: 6.812 euro

Frassinelle: 2.033 euro

Fratta: 4.249 euro

Gaiba: 1.789 euro

Giacciano: 3.883 euro

Loreo: 4.941 euro

Lusia: 5.876 euro

Melara: 2.643 euro

Papozze: 1.565 euro

Pincara: 1.565 euro

Polesella: 6.669 euro

Salara: 2.257 euro

S. Martino di V.: 6.771 euro

Stienta: 5.897 euro

Trecenta: 3.924 euro

Villamarzana: 2.155 euro

Villanova del G.: 3.558 euro

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette