06/07/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

"La fase due di anziani e pensionati: ecco cosa serve per ripartire (e tutelarli)"

Le proposte di Cna pensionati provinciale di Rovigo

"Gli anziani nelle case di riposo necessitano del massimo livello di attenzione"

ROVIGO - "Cna pensionati provinciale di Rovigo ad inizio della Fase 2 che ci vede tutti in un lento e attento ritorno alla normalità delle relazioni umane, non può non ringraziare l'operato dei medici, degli infermieri, degli operatori sanitari, degli addetti ai servizi e di tutti coloro che hanno fronteggiato eroicamente da più di due mesi la pandemia scatenata dal Covid 19. Purtroppo i pensionati hanno pagato un prezzo molto alto in termini non solo di segregazione, ma come abbiamo sentito, soprattutto in alcune zone, anche in termini di tragiche perdite della vita", spiega la Cna pensionati di Rovigo. 

"Ritornare alla vita normale per anziani, nonni, genitori, vuol dire anche tenere bene a mente per le generazioni più giovani, il senso, il valore di vite che sono state colonne portanti non solo per la società in tempo di lavoro, ma anche e soprattutto,ora, in seno alla famiglia. Non a caso personalità europee autorevoli hanno firmato un documento a difesa della popolazione anziana europea in cui tra l'altro affermano che ".....serve una rivolta morale: i più vulnerabili non devono essere considerati un inutile peso...." Ed è un no alla sanità selettiva, un NO, come affermato da Papa Francesco, alla cultura dello scarto.
A dicembre dello scorso anno nel corso dell'Assemblea annuale si era messo sotto i riflettori il Sistema Sanitario Nazionale e si era chiesto al ministro Speranza, presente, un rafforzamento della funzione universale e pubblica del nostro Sistema. E in quell'occasione si era denunciato una disparità di trattamento da Regione a Regione, cosa che si è verificata in occasione di queste drammatiche settimane in cui sono emerse disparità di dotazione di apparecchiature mediche e dispositivi di protezione e comunque la debolezza di un sistema a macchia di leopardo. E a farne le spese in questi mesi di emergenza sanitaria, come abbiamo visto da sgomenti spettatori, sono stati gli anziani e i più bisognosi di assistenza, i ricoverati in case di riposo, anche se ci sono state isole quasi felici come qui a Rovigo, anche se pur sottoposti a rigide ma necessarie misure di distanziamento sociale ma cosi dolorose da far sopportare agli anziani lì custoditi".

"Ma Cna pensionati, nella sua attività sindacale entra anche nel merito rispetto al Decreto Italia "Rilancio", ed essendoci risorse per il Servizio Sanitario Nazionale si va avanti con proposte a tutela e difesa dei pensionati e anziani che vanno dal mantenimento e rafforzamento dei Covid Hospital al potenziamento della rete della medicina territoriale e di prossimità. Anziani che si vedrebbero, così, attenzionati da servizi di unità mobili di intervento domiciliare, soprattutto in caso di Covid, con presidi decentrati per anziani, appunto, unito al potenziamento delle Usca, cioè unità speciali di continuità assistenziali con medici, infermieri, specialisti. Ma le proposte della Cna Pensionati non si fermano qui. Cna pensionati chiede anche il ripristino del ruolo e della funzione dei medici di base favorendo la costituzione di studi poli specialistici da tradurre in assistenza territoriale, domiciliare e la creazione dell'infermiere di comunità. Utopie queste? No, non dovrebbero esserle, se si pensano anche in termini di costi benefici, il tenere in salute l'anziano diventa senz'altro minore il costo per il Ssn".

"Un altro obiettivo è senza dubbio la tutela della salute degli anziani in tempo di Covid che si inserisce, si lega, e non prescinde dalla salute pubblica generale ed è un obiettivo che si raggiunge arrivando ad un protocollo nazionale per la presa in carico delle Rsa e delle case di riposo. Qui in Veneto se ne attende ancora la riforma da anni delle Ipab, però. Obiettivo ambizioso? No se di concerto con i Perfetti l'obiettivo è quello di controllare e contenere l'espandersi del contagio con atti che prevedono la somministrazione in massa dei tamponi agli operatori delle RSA e Delle Case di Riposo e agli anziani lì residenti, ma non solo , in ogni provincia prevedere che siano allestiti RSA e C.di R. "COVID" che avrebbero il compito di tenere separati i positivi dai non contagiati e la loro presa in carico da parte dei Sistemi Sanitari Regionale con figure medicali ad hoc anche neolaureati. Come dicevamo la cifra messa a disposizione solo per l'assistenza territoriale e domiciliare del titolo del Decreto Legge è di 1.3 miliardi di euro. E se viene rafforzata la sorveglianza domiciliare anche con App apposite, la Cna Pensionati propone di creare in aggiunta un numero verde nazionale per gli over 65, per avere consulenze informatiche e psicologiche adeguate ed esaustive".

"Per le agevolazioni fiscali previste dal decreto rilancio, la cna pensionati chiede che il bonus baby sitting venga esteso anche come bonus badanti, come anche esteso ai pensionati il mutuo acquisto prima casa e il credito d'imposta al 60% sul canone di locazione di negozi e botteghe esteso all'affitto della 1^ casa per i pensionati. Per i pensionati in difficoltà poi il D I RILANCIO, proroga misure già contenute nel Decreto Cura Italia come l'estensione permessi legge 104, sospensione di somme dovute e loro procrastinazione, sospensione pignoramenti, e si sta tentando la riattivazione di servizi bloccati a causa della epidemia.
Informazioni più dettagliate e specifiche saranno fornite a chi ne farà richiesta telefonando alla CNA di Rovigo Pensionati.  Gli assegnatari di pensioni anticipate o di vecchiaia integrata al minimo ne sono state le vittime involontarie e più numerose e per questo si fa promotrice di diffondere esempi di segnali concreti come già si stanno verificando in alcune Regioni, che, utilizzando fondi europei non ancora impegnati nel Bilancio Europeo 2014/2020 e liberati dalla Commissione, hanno fornito un sostegno straordinario alla fascia di pensionati indicati, tramite un BONUS o SOCIAL CARD per portare a 1000 Euro per i mesi di maggio e giugno gli assegni come già detto di pensioni anticipate o di vecchiaia integrate al minimo. I nostri uffici sono in grado comunque di fornire tutte le informazioni sulle pratiche da istruire e rispondere alle domande poste. CNA PENSIONATI via Combattenti Alleati d'Europa zona 13 Borsea Rovigo".  

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette